Ultimo appuntamento della rassegna “Sei personaggi in cerca d’editore”. Il 9 e 10 giugno a Castelnuovo di Farfa

La rassegna culturale “Sei personaggi in cerca d’editore”, ideata e realizzata dall’Associazione di promozione sociale Laboratori d’Arte Antores, con il patrocinio del comune di Castelnuovo di Farfa e del Circolo Arci di Rieti, giunge al suo ultimo appuntamento, venerdì 9 giugno e sabato 10 giugno, presso il Centro Turistico di Castelnuovo di Farfa.
Gli incontri della rassegna si sono succeduti a partire dallo scorso febbraio seguendo una formula che ha visto la presenza sia di protagonisti affermati che di nuovi artisti. L’ultimo incontro offrirà ancora una novità interessante e divertente per tutti gli ospiti, la possibilità di ricevere il “battesimo della sella”, venerdì 9 giugno – dalle ore 17 alle 20, e sabato 10 giugno, dalle ore 10 alle 13.00 – presso il maneggio Scuderie del Ciliegio (Castelnuovo di Farfa, in via San Filippo).

Venerdì 9 giugno alle ore 16.30 avrà luogo l’inaugurazione di una mostra d’arte figurativa, che rimarrà aperta fino alle ore 20, per riaprire i battenti sabato 10 giugno, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 16.30 fino al termine dell’evento. La mostra ha permesso agli ospiti, in sei mesi, di conoscere diversi artisti e stili. Il programma prevede la partecipazione dell’Associazione Picturanova, scuola di pittura capitanata da Valeria d’Ascenzi e, a seguire, delle pittrici Chiara Crespi, Cristiana Paolini, Donatella Angelucci, Dominique Wery e Myriam Di Fiore. Con loro le fotografe, Francesca Teora e Natalia Nuvoli, e l’artista Daniela Pezzotti. Esporranno anche il maestro di pittura Francesco Veròla e Francesco Bizzarri, il mastro in mascalcia, ovvero l’antica arte del maniscalco.

Sabato 10 giugno, alle ore 18.30, è la volta di Loredana Cavadini e Paola Casocavallo che presenteranno la loro opera, “L’isola che non c’e … o che non c’era”. Un libro intenso intriso di emozioni personali, una cronaca giornaliera della vita di animali che sono scampati alla morte, grazie al coraggio di chi ha abbandonato tutto il resto per dedicarsi alla sacralità della vita e della morte.

 

Rispondi