Trasporti, il Pd: il collegamento con i soli autobus non verrà eliminato

Il partito democratico provinciale in questo ultimo periodo ha seguito molto da vicino la situazione dei pendolari della nostra provincia e quindi la sperimentazione gomma-rotaia; abbiamo messo in piedi un tavolo con i rappresentanti del comitato pendolari e ci sentiamo di ringraziare per questo i membri del direttivo che ci hanno riportato in maniera particolareggiata il lavoro da loro fatto e gli incontri tenutisi con i rappresentanti dell’assessorato di riferimento, le loro perplessità e le loro paure per il futuro. La segreteria provinciale del partito democratico ha quindi convocato subito dopo una segreteria alla presenza dell‘assessore Fabio Refrigeri e del Consigliere Daniele Mitolo che hanno risposto alle richieste chiarendo punti importanti.

Lo si apprende da una nota del partito che spiega: «I due rappresentanti della Regione ci hanno rassicurato sul fatto che il collegamento gomma-rotaia non è stato mai pensato come sostitutivo del collegamento su gomma ma al contrario come  una integrazione di esso. È da escludere categoricamente la possibilità che il collegamento con i soli autobus venga eliminato. Va chiarito che la sperimentazione è iniziata dopo uno studio particolareggiato fatto nel 2012 e che si sta facendo solo la domenica per cominciare a capire quali sono i punti di caduta e quindi quali i lavori da fare e cosa potenziare per rendere perfettamente fruibile il servizio. La sperimentazione non diverrà norma finché la stazione di Passo Corese non sarà potenziata e finché non saranno potenziati i treni e le infrastrutture ferroviarie.. Inoltre chiariamo anche la situazione dell’acquisto di nuovi mezzi, la gara indetta dalla Regione Lazio non è stata assolutamente bloccata ma, come è prassi, è stata sottoposta al controllo dell’Anac che risponderà in tempi brevissimi, si procederà quindi all’espletamento della gara e al conseguente acquisto dei nuovi mezzi che con ogni probabilità potranno essere utilizzati dall’inizio del 2016».

«Nel frattempo – proseguono dal PD provinciale – pensando al contingente ci hanno rassicurato che, a giorni arriveranno da altri depositi alcuni mezzi più nuovi che possano sostituire quelli ormai inutilizzabili, come da pressante richiesta del comitato pendolari. Da questo momento in poi il partito democratico provinciale monitorerà ogni passaggio e si impegnerà a varare un tavolo permanente di confronto con la rappresentanza del comitato pendolari analizzando le criticità e le eventuali soluzioni che di volta in volta andranno affrontate».

Rispondi