Ottobre Rosa

Torna in versione digitale la “Camminata per la vita dell’Alcli”

Viste le condizioni che stiamo vivendo, quest'anno la "Camminata per la vita" dell'Alcli si svolgerà in versione virtuale: un modo per stare a distanza ma senza rinunciare alla preziosa attività di prevenzione e divulgazione degli screening oncologici

Uniti si vince, questo il motto della task force ASL, LILT, ALCLI, creata per il contrasto dei tumori nell’ambito della campagna di prevenzione Ottobre Rosa promossa dalla Regione Lazio in collaborazione con la ASL di Rieti e le associazioni di volontariato ALCLI e LILT sezione Rieti.

La campagna è stata presentata in settimana presso l’Aula Magna della sede ASL alla presenza della direttrice generale Marinella D’Innocenzo, il responsabile dello screening Mario Santarelli e la direttrice sanitaria Assunta de Luca. Presenti per la LILT, Enrico Zepponi e Flavio Fosso, per l’ALCLI, Santina Proietti e Marisa Sciarrini.

Hanno partecipato anche le Forze dell’Ordine che sono state coinvolte insieme agli imprenditori del territorio nella campagna di prevenzione; Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco.

Infatti, in tempo di Covid l’Azienda sanitaria insieme alle associazioni di volontariato, ha messo in campo una strategia di screening che prevede incontri mirati e privati, con categorie professionali, associazioni datoriali e forze dell’ordine, evitando in tal modo assembramenti. Una strategia innovativa di penetrazione capillare del tessuto economico e sociale, che ha avuto il plauso da parte della Regione Lazio.

Dopo le iniziative che la ASL ha messo in campo per l’Ottobre Rosa con il proprio numero verde e un dispiegamento di mezzi e operatori sanitari, sono state illustrate anche le attività specifiche che ogni associazione ha programmato per contribuire alla campagna di prevenzione.

L’ALCLI oltre aver iniziato i suoi eventi di sensibilizzazione nel mondo dell’impresa con incontri presso l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, presso la sede di Federlazio e Phoenix con il Presidente di Unindustria Rieti, ha aperto ufficialmente la VI Edizione della “Camminata per la vita” in versione digitale.

Alla luce del periodo che stiamo vivendo, il gruppo ALCLI DONNA ha pensato ad una speciale Camminata per la vita, resa possibile grazie all’uso sapiente della tecnologia. Attraverso una efficace modalità digitale si raccoglieranno le adesioni agli screening: basta fare un clik sulla piattaforma www.alcliscreening.it, compilare il form con i propri dati ( nome, cognome, data di nascita e cellulare) specificando l’esame preventivo che si vuole fare e spingere invio. Nel giro di pochi giorni gli utenti saranno richiamati dalla ASL per un appuntamento senza file e gratuito.

«Per noi la prevenzione è sempre un cammino verso la vita, un muoversi e agire per dedicare tempo a noi stessi e alla nostra salute», sottolinea Santina Proietti. «Quest’anno la camminata non sarà fisica ma simbolica, dobbiamo comunque andare e non fermarci e attraverso la tecnologia possiamo proteggere la nostra vita, prenotandoci agli esami. Non possiamo consentire al tumore di diventare più forte perché non facciamo diagnosi precoce, dobbiamo unirci anche tra associazioni per fare un’opera di sensibilizzazione importante e stimolare le persone a non abbassare la guardia nemmeno adesso in tempo di Covid e continuare a fare prevenzione perché il tumore non si ferma mai e noi dobbiamo essere più veloci».

Durante la conferenza stampa è stato lanciato l’allarme per il rischio di una pandemia di tumori dal responsabile dello screening dottor Mario Santarelli che ha diffuso i dati emersi dopo il lockdown della scorsa primavera durante il quale sono stati annullati oltre un milione e mezzo di esami preventivi contro il tumore. «Ancora oggi è sempre attuale il messaggio di Umberto Veronesi: se vogliamo sconfiggere il tumore, la più efficace cura, più potente delle terapie e della chirurgia, è la diagnosi precoce».

Marisa Sciarrini, referente di ALCLI DONNA, il gruppo screening dell’ALCLI Giorgio e Silvia, ha specificato che cambia la modalità, oggi digitale, ma non la finalità della camminata, cioè salvare vite umane. «Abbiamo salvato tante vite umane e anche quest’anno dobbiamo fare il possibile per raggiungere il maggior numero di persone: è per questo che abbiamo studiato questa forma di adesione digitale agli screening che consente a tutti, senza spostarsi, ma semplicemente dal proprio cellulare o pc, di prenotarsi agli esami gratuiti di contrasto a tre tipi di tumore, mammella, cervice uterina e colon retto».

Ci si può iscrivere alla “Camminata per la vita” virtuale da questo link: https://alcliscreening.it/raccolta-dati/

Rispondi