Formazione

Scuola ed educazione all’impresa: torna la Fiera di Primavera

Torna la Fiera di Primavera, tappa conclusiva del programma di educazione imprenditoriale e alfabetizzazione finanziaria che da quattro anni Junior Achievement Italia porta avanti nelle scuole reatine su iniziativa della Fondazione Varrone

Torna la Fiera di Primavera, tappa conclusiva del programma di educazione imprenditoriale e alfabetizzazione finanziaria che da quattro anni Junior Achievement Italia porta avanti nelle scuole reatine su iniziativa della Fondazione Varrone. Quest’anno gli stand degli studenti-imprenditori reatini si mescolano con i 200 giovani di Next Ri-Generation in arrivo da tutta Italia e si spostano al Chiostro di San Domenico, dove venerdì 10 maggio le mini imprese nate tra i banchi di scuola esporranno i propri prodotti e si sfideranno per conquistare il titolo di migliore mini impresa del territorio.

Quattro le scuole superiori che hanno accettato di mettersi in gioco, seguendo il programma Impresa in azione: l’Istituto per Geometri “Ciancarelli” di Rieti, l’Istituto Alberghiero “Costaggini” di Rieti, il Liceo Scientifico “Tagliacozzo” di Magliano Sabina e l’Istituzione Formativa di Rieti, indirizzo Estetica e Acconciatura. Circa 100 gli studenti che durante l’anno scolastico si sono misurati con le opportunità e i problemi del mondo imprenditoriale, sperimentando l’esperienza dell’avvio di un’impresa, dalla gestazione di un’idea al suo sviluppo, dalla produzione alla vendita.

E ora presentano il loro prodotto in Fiera, sottoponendosi al giudizio di una giuria di esperti che premierà la migliore delle mini-imprese della stagione, che andrà poi a rappresentare Rieti al contest nazionale di Junior Achievement, la finale nazionale BIZFactory- Bridging the Gap prevista per il 3 e 4 giugno a Milano.

La Fiera di Primavera che si tiene il 10 maggio al Chiostro di San Domenico è il momento conclusivo di un più ampio programma di formazione all’autoimprenditorialità proposto da Junior Achievement Italia per stimolare creatività, innovazione e senso dell’autoimprenditorialità negli studenti reatini.

Si tratta di un modello progressivo che a partire dalle scuole medie quest’anno ha coinvolto tutti i livelli scolastici. Dieci le classi delle scuole medie “Minervini-Sisti” di Rieti e “Pertini” di Magliano che hanno seguito il programma Crescere che impresa!. Quattro le classi dell’Istituto “Rosatelli” e dell’Istituto Alberghiero di Amatrice che si sono cimentate con Idee in azione!, per un totale di circa 260 ragazzi. Si sono rimessi in gioco anche 40 studenti che avevano partecipato alle tre edizioni precedenti del programma, con Alumni in azione.

Essenziale per la riuscita del programma, la partnership tecnica offerta dalla Camera di Commercio di Rieti e dallo Spazio Attivo di Rieti di Lazio Innova. Importante anche la collaborazione con Next Rieti, l’Ordine degli Ingegneri e il Gruppo Giovani Imprenditori Confcommercio Lazio Nord, che hanno interagito con gli studenti e che faranno parte della giuria che nel pomeriggio di venerdì decreterà la mini impresa vincitrice.Il tutto nella cornice di San Domenico, che dal 9 all’11 maggio farà da quartier generale a Next Ri-generation, la prima maratona digitale dedicata alle aree interne, tra sisma e ripartenza.

Rispondi