Stati generali della cultura: l’unione fa la forza

Il 20 novembre si è tenuta la giornata conclusiva di tre incontri pomeridiani dedicati alla cultura. Vari gruppi tematici, che affrontavano argomenti come “il territorio e la sua storia” o arti visive e “linguaggi multimediali”, hanno formato gruppi di lavoro con l’obbiettivo di analizzare il presente e presentare proposte per il futuro. All’interno di questi tavoli c’erano artisti, studiosi, operatori culturali, rappresentati di associazioni e imprenditori provenienti da tutto il territorio reatino.

Durante l’evento finale sono intervenuti anche rappresentati regionali, provinciali, l’onorevole Melilli, il sindaco di Rieti Simone Petrageli e l’assessore alla cultura Annamaria Massimi ideatrice dell’evento. I relatori, alla presenza del presidente della Commissione Cultura dell’Unione Europea Silvia Costa, hanno sottolineato, ciascuno nel proprio ambito, che esiste una forte necessità di fare rete e mettere a sistema i diversi soggetti.

Inoltre è stata avvertita da tutti l’esigenza di uno spazio fisico (casa della cultura, incubatore o laboratorio che dir si voglia), dove poter esprimere e sviluppare le nuove energie creative che stanno nascendo. Dopodiché dai singoli tavoli son o uscite proposte specifiche di medio e lungo periodo, che testimoniano un risveglio culturale in atto. Al termine il presidente Costa a illustrato le molte opportunità che l’UE offre alle istituzioni che uniscono le forze tra più stati membri e ha inoltre lodato l’iniziativa incoraggiando l’assemblea a continuare su questa strada.

Foto di Massimo Renzi.

Rispondi