Ambiente

Sport e tutela ambientale: sul lago Turano «Pagaiando per l’Ambiente»

Sport e tutela dell'ambiente si uniscono nella campagna "Italia in Canoa - Pagaiando per l'Ambiente", promossa dalla Federazione Italiana Canoa Kayak, in collaborazione con Marevivo Italia

Sport e tutela dell’ambiente si uniscono nella campagna “Italia in Canoa – Pagaiando per l’Ambiente”, promossa dalla Federazione Italiana Canoa Kayak, in collaborazione con Marevivo Italia.

Il progetto, che ha ottenuto il benestare del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare, ha fatto tappa giovedì al lago del Turano coinvolgendo la Lega Navale Italiana sezione di Rieti – Lago del Turano, gli studenti del liceo sportivo internazionale di Amatrice e un nutrito gruppo di lavoratori di una nota multinazionale, scesi in campo per ripulire le sponde del lago.

Alla presentazione dell’evento Fabio Piscicchia, delegato provinciale della Federazione Italiana Canoa, Arianna Malagisi, tra i promotori del progetto, Giovanni Vespaziani, presidente della Lega Navale – Rieti Lago del Turano, Dante D’angeli, sindaco di Ascrea e presidente della comunità montana del Turano, Laura Gentile, responsabile dei progetti Marevivo, Giuseppe Ricci, presidente della Riserva Naturale Monti Navegna e Cervia, Cesarina D’Alessandro, sindaco di Castel di Tora e Beniamino Pandolfi, sindaco di Colle di Tora.

«Quella sul lago del Turano – ha spiegato Piscicchia – è una delle tante tappe promosse a livello nazionale. È stato importante replicare anche nella nostra piccola realtà questa iniziativa, volta alla sensibilizzazione della tutela ambientale, che non è mai così scontata. Crediamo che, attraverso lo sport, questo possa avvenire in un modo ancora più efficace. Grazie agli studenti del Liceo Sportivo Internazionale di Amatrice, con i quali collaboreremo anche il prossimo 5 giugno in occasione del saggio finale di fine anno sul lago Scandarello, dove saremo presenti come Federazione Italiana Canoa e Lega Navale sezione Rieti Lago del Turano».

Con il fondamentale impegno dei numerosi presenti, le acque e soprattutto le sponde del lago, sono state ripulite di plastica, vetro e altri rifiuti dannosi per l’ambiente. Tra i ritrovamenti anche sandali, infradito, scarpe, la ruota di una bicicletta, imballaggi di ogni genere.

Molto soddisfatto del progetto si è detto anche l’avvocato Giovanni Vespaziani, presidente Lega Navale Rieti – Lago del Turano. «Ho visto tanto entusiasmo in tutti coloro che hanno partecipato, a cominciare dagli studenti del Liceo Internazionale di Amatrice, che stanno trascorrendo qui cinque giorni di campus vela. Un plauso ed un ringraziamento al vice presidente della Lega Navale Fabio Piscicchia, sempre in prima linea, di grandi capacità organizzative, in grado di entusiasmare i giovani che per la prima volta vengono in questo magnifico lago a fare esperienze nautiche come canoa, vela e dragonboat. Un ringraziamento anche ad Arianna Malagisi che ha avuto l’idea di questa giornata di educazione ambientale, portando tanti suoi colleghi di lavoro ad immergersi in una realtà unica ed irripetibile come quella del lago del Turano, con la base nautica, sotto il ponte di Castel di Tora, che costituisce l’icona e l’emblema dello sviluppo turistico, economico, sociale, culturale ed ambientale della nostra valle del Turano».

Rispondi