Sinodo per l'Amazzonia

Sinodo per l’Amazzonia: cardinal Baldisseri, iscrizioni solo «on line» e bicchieri biodegradabili tra le iniziative «green»

In vista del Sinodo per l’Amazzonia, la segreteria generale ha promosso «alcune iniziative con lo scopo di limitare l’inquinamento e di favorire la sostenibilità ambientale, in maniera da contribuire, per quanto possibile, a salvaguardare la casa comune»

In vista del Sinodo per l’Amazzonia, la segreteria generale ha promosso «alcune iniziative con lo scopo di limitare l’inquinamento e di favorire la sostenibilità ambientale, in maniera da contribuire, per quanto possibile, a salvaguardare la casa comune».

«Per l’iscrizione dei partecipanti – ha annunciato il card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, durante la conferenza stampa di presentazione in Sala stampa della Santa Sede  – è stata adottata una procedura informatica per mezzo della quale le registrazioni sono avvenute direttamente on line: Questa nuova prassi ha velocizzato la comunicazione, ma soprattutto ha permesso un notevole risparmio di carta stampata, eliminando, oltretutto, anche i costi legati all’utilizzo della posta tradizionale», ha spiegato il cardinale.

L’altra attenzione è quella a limitare il più possibile l’uso della plastica: «I bicchieri che verranno utilizzati saranno in materiale biodegradabile; la borsa con il materiale di lavoro che verrà consegnata ai partecipanti è in fibra naturale, la carta utilizzata per i documenti che verranno distribuiti ha il maggior numero di certificazioni di provenienza e di filiera di lavorazione».

L’attenzione del Sinodo per l’Amazzonia, ha precisato Baldisseri, «si incentra sulla missione evangelizzatrice della Chiesa in Amazzonia, con al centro l’annuncio della salvezza in Gesù Cristo, e sulla tematica ecologica, data l’importanza che il territorio amazzonico riveste per tutto il pianeta».

Riguardo alla questione ecologica, ha spiegato il porporato, «l’approccio parte dalla visione di un’ecologia che non si limiti a trattare le questioni guardando esclusivamente all’ambiente naturale, ma che comprenda chiaramente le dimensioni umane e sociali», come si legge nella Laudato si’: «Un’ecologia, quindi, che sappia tenere presente l’essenza dell’umano, perché tutto è connesso, come sottolinea spesso Papa Francesco.

«Occorre essere consapevoli che l’agire umano non si esercita in ‘compartimenti stagni’, ma che ogni comportamento, in positivo o in negativo, che si adotta riguardo all’ambiente naturale ha delle inevitabili conseguenze anche nell’ambito socio-culturale e spirituale dei popoli e delle singole persone», l’invito di Baldisseri.

Dal Sir

Rispondi