SEL Rieti: Petrangeli candidato alle primarie del centrosinistra

Simone Petrangeli è il candidato di Sel per le primarie del centrosinistra che si terranno il 22 gennaio 2012. Durante l’incontro con la stampa ed i cittadini, alla libreria Moderna, perché la «cultura e la politica vanno di pari passo anche se spesso oggi non accade», il candidato di Sinistra Ecologia e Libertà ha parlato di un programma che punti al cambiamento dell’amministrazione, «che è ormai come la comica finale in conclusione di un film muto e per questo deve essere radicalmente capovolta. Quello che accade è la fine di un ciclo politico che si sta chiudendo nel peggiore dei modi. Su quest’amministrazione e il suo operato le dichiarazioni del centrosinistra sono sempre state unitarie. Per questo sono convinto che possiamo vincere queste elezioni anche grazie e soprattutto al contributo di tutti coloro che in questi anni, dai banchi dell’opposizione e non solo, hanno portato avanti una protesta chiara e corretta puntando il dito sulle tante inadempienze dell’amministrazione uscente».

E questo cambiamento potrà avvenire solo attraverso i cittadini che potranno «metterci del loro» come recita lo slogan della candidatura “Mettici del tuo”. Diversi i punti affrontati dal candidato di Sel che ha però ha voluto ribadire più volte, come sia fondamentale stilare un programma condiviso, con tutte le forze sociali ed i cittadini. Prevista quindi una serie di incontri con la città «nei luoghi che i cittadini vivono, per dare il via ad una campagna di ascolto che ci faccia recuperare un rapporto con chi per troppo tempo ha subito un governo scellerato che ha relegato la nostra città in un angolo».

Da qui il desiderio e la necessità di cambiare il «modo di amministrare Rieti per proiettarla verso il futuro attraverso una scelta politica che possa portarla ad un nuovo modello di sviluppo. Una città che deve pensare verde proiettandosi verso l’Europa, programmando insieme ai cittadini una nuova economia grazie al dialogo ed alla collaborazione». Il candidato di Sel punta su idee concrete che vadano ad infrangere lo storico isolamento pensando alle infrastrutture digitali e tecnologiche e che possano sviluppare quella economia verde «che può dare un nuovo slancio alla città» Basta promesse non mantenute, basta progetti faraonici rimasti sogni, come la ferrovia che quest’anno avrebbe dovuto festeggiare il suo decennale. Basta far finta non vedere le ricchezze di questo territorio. C’è la necessità di chiedere alla politica una moratoria sulle illusioni e sulle tante promesse non mantenute. «E’ necessario un salto in avanti verso il futuro per dare un futuro a questa città che merita di diventare un luogo migliore per tutti. Abbiamo l’obbligo, a partire da oggi, di avviare un percorso di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini. La necessità di investire sulla loro saggezza con un profondo processo di partecipazione». E anche per questo «le Primarie devono vedere i partiti lanciare un progetto che dovrà vedere in primo piano la città, con i cittadini e le loro idee». La certezza di Simone Petrangeli è che queste «primarie saranno vissute e democratiche e affrontate da tutti con grande senso di responsabilità nei confronti dei cittadini. E’ ora di passare dalle riunioni nelle stanze chiuse ad iniziative che ci facciano incontrare le persone che vogliamo rappresentare». Per questo c’è anche la certezza «che il dibattito all’interno del Pd arriverà ad una soluzione e le Primarie vedranno i partiti lanciare un progetto di città costruito insieme a chi questa città la vive ogni giorno. I cittadini».

Rispondi