Sanità a Rieti: Regione, Asl, Sindacati: c’è un programma

Da subito un tavolo per un confronto permanente delle forze sindacali con la Asl di Rieti, e poi l’appuntamento a settembre per una conferenza sanitaria locale al fine di discutere la nuova missione dell’azienda e l’articolazione della rete sanitaria nel territorio reatino per i prossimi anni.

Sono questi i due estremi di un percorso di cinque tappe, stabilito oggi da Regione Lazio, Azienda sanitaria di Rieti e forze sindacali (Cgil-Cisl e Uil) alla conclusione di un confronto cui hanno partecipato il management dell’azienda con il direttore generale, Laura Figorilli, i direttori sanitario e amministrativo della Asl reatina, Alessio D’Amato responsabile della Cabina di regia della Regione Lazio, il direttore generale del servizio sanitario regionale Flori De Grassi e la dottoressa Paola Longo dirigente delle risorse umane Ssr.

Queste le tappe concordate:

1) apertura nei prossimi giorni di un tavolo di confronto permanente con la ASL di Rieti per la verifica dei LEA e delle risorse umane;

2) rafforzamento dell’attività ospedaliera assistenziale del San Camillo De Lellis DEA di I° livello, unitamente alla ripresa dell’attività di screening dal 1 settembre, all’abbattimento delle liste di attesa e alla pubblicazione dei dati sul sito aziendale;

3) accordo con la Regione Umbria per la regolamentazione della mobilità sanitaria;

4) realizzazione delle strutture di Magliano Sabina e Amatrice come Case della Salute con una forte integrazione socio-sanitaria territoriale;

5) al termine dell’incontro è stato concordato che entro il mese di settembre 2014 sarà promossa dalla ASL di Rieti una conferenza sanitaria locale per discutere il piano strategico e l’atto aziendale.

Rispondi