Roberta Bruni…felice di stare lassù!

La giovane atleta della Cariri continua a volare e stabilisce a Rieti il nuovo primato italiano under 20 nel salto con l’asta con 4.16m.

Un fenomeno, una forza della natura. Un nuovo volo sopra il cielo e un altro record battuto. Si parla ancora di lei, Roberta Bruni talento allo stato puro, che riesce a far passare alla storia dell’atletica un atipico freddo e ventoso lunedì di maggio. Occorre prima però fare un passo indietro: 14 e 15 maggio, prima fase dei campionati regionali di società a Rieti. Dopo una giornata iniziale all’insegna del bel tempo e di ottimi riscontri per la squadra reatina della Cariri, è la pioggia a farla da padrona nel secondo giorno di competizioni. Gli atleti sono costretti a gareggiare sotto un vero e proprio nubifragio che penalizza notevolmente le prestazioni tecniche dei moltissimi big presenti. Tra le altre gare è in programma anche l’asta femminile che vede tra le protagoniste più attese, la stella Roberta Bruni, allieva classe ’94. Le condizioni per una disciplina così difficile e pericolosa come il salto con l’asta costringono gli organizzatori a rinviare la gara al giorno successivo. Così lunedì 16 maggio tutti di nuovo al Guidobaldi per il recupero della prova; della pioggia neanche l’ombra, ma un vento freddo e contrario alla rincorsa delle atlete rende la “vita” difficilissima alle ragazze che si trovano di fronte un vero e proprio muro. Nonostante questo, Roberta è allegra e spensierata come sempre, è il suo modo di concentrarsi e caricarsi prima di una gara. Niente la può turbare, scherza e ride con tutti ma nei suoi occhi si legge la voglia e la determinazione nel voler continuare a volare sempre più in alto; basta guardarla per capire che la gara sarebbe andata nel migliore dei modi. E così dopo qualche piccolo tentennamento alle misure iniziali, la Bruni è volata ai 4.16m del nuovo primato italiano allieve (che le apparteneva) e junior (datato 2005 di “proprietà” della fortissima Elena Scarpellini, che deve di nuovo cedere lo scettro alla straripante Roberta). Inoltre sono da sottolineare due ottimi tentatavi a 4.21m, mancati davvero di un soffio che danno ulteriore prova delle enormi potenzialità della diciassettenne Bruni. Un trionfo per l’atleta allenata da Riccardo Balloni, che ha entusiasmato il pubblico accorso numeroso per vedere le gesta di questa giovanissima campionessa. E adesso è proprio Roberta a guidare la lista mondiale di specialità per la categoria allieve, in attesa dei mondiali under 18 che si svolgeranno a Lille a luglio e che, siamo sicuri, la vedranno tre le protagoniste più attese.

 

Rispondi