Rieti e il segnale sconosciuto

In altre città simili a Rieti si usa ormai da tempo il segnale di divieto di sosta temporaneo per la pulizia delle strade con macchina spazzatrice. A Rieti il segnale è praticamente sconosciuto; non è la prima volta che metto in evidenza questo problema, ma sembra che nessuno se ne interessi. Voglio proprio sperare che la nuova Amministrazione prenda provvedimenti.

Vero è che per usare questo segnale ci deve essere una programmazione della pulizia delle strade della città, dei quartieri e delle frazioni che probabilmente non esiste; si rimette il tutto alle lamentele che pervengono al Comune ed all’Azienda Servizi Municipalizzati. Il giorno successivo la spazzatrice passa sotto casa.

Il segnale permetterebbe all’operatore della macchina spazzatrice di non fare lo slalom tra le vetture in sosta, di pulire gli spazi occupati dalle vetture stesse e recuperare, per altri servizi, l’operatore ecologico che dà di scopone intorno alle auto in sosta come se fosse un contorsionista.

Lo slalom delle pulizie

Lo slalom delle pulizie

La carta dei sevizi relativa al servizio igiene urbana, al punto 1.5 “Pulizia delle strade” recita: «La pulizia del suolo pubblico è di competenza A.S.M. Rieti S.p.A. e viene effettuata sia con mezzi meccanici che manualmente». Inoltre: «Il servizio viene effettuato dal lunedì al sabato, secondo un programma che prevede la pulizia di tutti i quartieri della città, comprese le frazioni, con frequenza almeno settimanale». Ed allora, se esiste un programma, perché non si usa il segnale di divieto di sosta temporaneo? Ma esiste una Programmazione?

Insomma in altre città questo segnale è ben conosciuto da molti anni, a Rieti perché non si usa?

2 thoughts on “Rieti e il segnale sconosciuto”

  1. giovanni

    A Rieti non si riesce a far rispettare i divieti di sosta permanenti, figuriamoci i provvisori. Inutile spendere denaro per tabelle che sarebbero disattese.

Rispondi