Quaresima in carità, rinfrancare i cuori

Un invito a confidare nel Signore, secondo il tema su cui è incentrato il messaggio del Santo Padre per la Quaresima: la frase della Lettera di san Giacomo “Rinfrancate i vostri cuori”. Parte da qui la sottolineatura del tempo quaresimale secondo la dimensione caritativa, che la Caritas propone anche quest’anno. Il riferimento sono dunque le parole di papa Francesco che «esorta i credenti a non cedere alla “tentazione dell’indifferenza” e a non lasciarsi “assorbire” dalla “spirale di spavento e di impotenza”, “saturi” come siamo “di notizie e immagini sconvolgenti che ci narrano la sofferenza umana”»: un appello alle parrocchie, scrive la Caritas diocesana nella circolare inviata per la Quaresima di carità citando il messaggio pontificio, «a diventare “isole di misericordia in mezzo al mare dell’indifferenza”». La tentazione più grande che nel “deserto” quaresimale deve spingere a esercitare la capacità di resistenza, è proprio quella di essere indifferenti sia a Dio sia ai bisogni del prossimo. Di qui l’importanza che le parrocchie possano davvero cogliere l’occasione del tempo quaresimale per rafforzare l’impegno a farsi punti di riferimento “controcorrente” in un mondo che sembra rassegnato. «“Che cosa fare per non lasciarci assorbire da questa spirale di spavento e di impotenza?”, si chiede Francesco: la risposta viene dalla preghiera e dalla carità», che insieme alla penitenza costituiscono le “armi” per la vittoria contro il male. Sull’impegno di condivisione si concentra in particolare la giornata fissata a livello diocesano, come sempre, per la terza domenica di Quaresima: in tale giorno, in tutte le parrocchie «la raccolta di offerte, come segno del digiuno e condivisione, andranno alla Caritas diocesana e parrocchiale per stare accanto ed alleviare le situazioni di bisogno a persone e famiglie in difficoltà». Inoltre l’invito a raccogliere alimenti per rifornire l’emporio alimentare di via Terenzio Varrone. Presso gli uffici Caritas di via Varrone sono disponibili i sussidi necessari: l’opuscolo per le famiglie, con cui proporre ai nuclei familiari gravitanti in parrocchia un percorso sul tema della condivisione fatto di esperienze di accoglienza, riflessioni e preghiere per approfondire i temi della campagna “Una sola famiglia umana, cibo per tutti: è compito nostro” (promossa a livello nazionale da Caritas insieme a diversi organismi), il poster della Quaresima di carità, le buste per la raccolta.

[download id=”602″]

Rispondi