Quale soluzione finale per l’ultimo tratto della S.R. Rieti-Torano?

Questo il tema al centro del dibattito tenutosi ieri sera presso La Sala della Comunità a Cittaducale. Incontro non solo per addetti ai lavori, promosso e fortemente voluto dal Sindaco di Cittaducale per mantenere alta e viva l’attenzione sull’argomento e cosi arrivare a scelte condivise per l’intera collettività che vive nel territorio delle Valli del Salto e del Velino che, in un futuro ormai sempre più prossimo, potranno beneficiare del tracciato che sarà prescelto per avvicinarsi anche con tempi di percorrenza minori.

Dopo una puntuale ricostruzione dell’annosa vicenda che parte dal lontano 1965, grazie all’analisi oggettiva di elaborati e costi/benefici delle attuali tre ipotesi progettuali in campo, il Sindaco R.Ermini ha ancora una volta ribadito la posizione dell’Amministrazione Comunale di Cittaducale che punta tutto sul tracciato noto come tracciato “T3C”che da Ponte Figureto scavalcando la collina s’innesta sulla SS4 all’altezza di Cardito.

«L’analisi è oggettiva, dice il Sindaco di Cittaducale, in quanto meno impattante sul territorio anche grazie alla naturale vicinanza delle due vallate; tempi di percorrenza minori circa 4 minuti contro i circa 6 ed economicamente più vantaggiosa in quanto tracciato più corto». Inoltre «plauso al Sindaco di Rieti per essersi formalmente impegnato nel Consiglio Comunale del 28 luglio scorso alla costituzione di un gruppo di lavoro tra i soggetti coinvolti per esprimere una scelta condivisa” che impatterà sulla viabilità del territorio e non solo, in quanto il tratto in questione, è bene ricordare, è stato, a ragione, riconosciuto nella Viabilità Nazionale».

A seguire molti e fattivi gli interventi degli esponenti politici del territorio, rappresentanti delle Associazioni Rieti Viva e Rieti Virtuosa, Osservatorio Regionale Trasporti, e del Comitato Pro-Casette, presenti all’incontro.

Rispondi