Puntuale con la Quaresima l’incontro delle Confraternite

Domenica 2 marzo, I di Quaresima, presso la Parrocchia del Sacro Cuore in Quattro Strade Rieti si è svolto l’incontro delle Confraternite della Diocesi ed è stata celebrata la Prima Stazione Quaresimale presieduta dal Vescovo.

Ormai ci si conosce, ci si saluta cordialmente. Oltre 150 i partecipanti.

Il Parroco Mons. Mariano Assogna, delegato vescovile per le Confraternite ha dato il benvenuto a tutti e le signore della Caritas Parrocchiale hanno curato la prima accoglienza.

La giornata è iniziata con un momento di preghiera guidato dal diacono Vincenzo Focaroli, durante il quale è stato letto e meditato il vangelo proclamato il giorno delle Ceneri: «State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli» (Mt 6,1-6). I presenti sono stati sensibilizzati sulla loro appartenenza ad un organismo ecclesiale e di conseguenza sono stati invitati ad accogliere l’invito di Gesù a vivere nella carità e a non accontentarsi della ricompensa degli uomini.

Nel contempo sono stati incoraggiati ad accogliere lo stile del pregare, del fare l’elemosina, del digiunare suggerito da Gesù. Nelle rispettive parrocchie le confraternite debbono essere aggregazioni significative, punto di riferimento, aiuto nella pastorale, custodi di una Tradizione disposta sempre ad arricchirsi e a rinnovarsi. Il diacono ha ricordato a tutti che siamo polvere e in polvere ritorneremo ed ecco l’invito a convertirsi e a credere al Vangelo.

La relazione e la seguente discussione è stata tenuta dal Prof. Massimo Casciani il quale, correndo l’anno della famiglia, si è trattenuto sulla famiglia di oggi, sui problemi che essa deve affrontare, sulla preparazione previa alla celebrazione del matrimonio, sulle discipline che dovrebbero essere affrontate per evitare crisi successive. Interessanti e numerosi gli interventi fatti dai presenti.

Tra le confraternite presenti è stata accolta con simpatia la Confraternita di Leonessa la quale si è rinnovata, dopo aver fatto un cammino di catechesi adeguata.

Il Vescovo ha celebrato la S. Messa e si è compiaciuto della buona partecipazione. Ha ricordato come la Quaresima è un tempo di ascolto, di preghiera, di digiuno e di carità. Ha invitato i presenti ha fare e vivere un po’ di deserto per recuperare l’essenzialità della vita, le cose che contano e al tempo stesso abbandonare tutte quelle cose che appesantiscono il nostro cammino e ci allontanano dal volto e dalla voce di Dio.

La giornata si è conclusa con il pranzo nel salone parrocchiale.

Rispondi