Scuola

Progetto “Sguardi di donna”: un incontro sulla scrittura femminile

Presso la Biblioteca Comunale Paroniana di Rieti, nell’ambito del progetto "Sguardi di donna", che l’Istituto Magistrale “Elena Principessa di Napoli” di Rieti sta svolgendo durante questo anno scolastico, ha avuto luogo un incontro dal titolo "Professione scrittrice"

Nella mattinata del 14 gennaio presso la Biblioteca Comunale Paroniana di Rieti, nell’ambito del progetto Sguardi di donna, finanziato dal Bando SIAE “Per Chi Crea”, che l’Istituto Magistrale “Elena Principessa di Napoli” di Rieti sta svolgendo durante questo anno scolastico, ha avuto luogo un incontro dal titolo Professione scrittrice.

Il lavoro intellettuale delle donne in Italia fra la fine dell’Ottocento e la metà del Novecento, tenuto da Monica Cristina Storini, professore associato di Letteratura italiana presso l’Università Sapienza di Roma. A tale iniziativa hanno partecipato le classi III E, IV B, IV C, V C, insieme agli studenti del Laboratorio teatrale dell’Istituto, gestito da Nella Patrizia Clementini e Andrea Scappa.

La Storini, dopo un’introduzione relativa al contesto storico, sociale, politico in cui si affermano le autrici italiane a cavallo tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, ha presentato le tre generazioni di scrittrici, principalmente autodidatte poiché veniva negata loro la possibilità di studiare. Per ogni generazione, oltre a sottolinearne gli aspetti principali, la Storini si è soffermata sulle maggiori esponenti. Partendo dalla prima tra cui si trova Matilde Serao, prima donna a fondare e dirigere un quotidiano nel nostro Paese, passando per la seconda in cui spicca Sibilla Aleramo, autrice di uno dei primi libri femministi italiani, fino alla terza generazione con Anna Banti, critica ďarte, che scrive Artemisia, importante romanzo storico, e Alba De Céspedes, famosa per aver un repertorio di opere molto ampio, da scrittrice di romanzi a compositrice di poesie.

Durante l’incontro gli studenti hanno dimostrato un forte interesse facendo numerose domande e considerazioni, molto apprezzate dalla professoressa.

Attività didattica Progetto Reporter a scuola
A cura di Lorenzo Esposito

Rispondi