Sabina Universitas

Presentato il primo corso di ingegneria in inglese della Sabina Universitas

È stato presentato il corso Sustainable Building Engineering, il primo corso di laurea triennale in ingegneria in lingua inglese della Facoltà di Ingegneria Edile della Sapienza, tenuto presso la sede di Rieti della Sabina Universitas.

È stato presentato il corso Sustainable Building Engineering, il primo corso di laurea triennale in ingegneria in lingua inglese della Facoltà di Ingegneria Edile della Sapienza, tenuto presso la sede di Rieti della Sabina Universitas.

Questa mattina, presso la sede dell’ateneo reatino di Palazzo Dosi, in piazza Vittorio Emanuele II a Rieti, ad illustrare il nuovo corso, a studenti provenienti anche dall’India, dalla Cina, dall’Uzbekistan, dal Kazakistan, dall’Egitto, dal Ghana, dal Bangladesh e dall’Iran è stato il presidente del consiglio d’area di Rieti della Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale de La Sapienza, Giuseppe Sappa (in piedi nella foto), insieme al vicepresidente della Sabina Universitas, Vincenzo Regnini, e al commissario dell’Ater di Rieti, Giancarlo Cricchi, che fornirà gli alloggi a un gran numero dei ragazzi provenienti dall’estero.

Il nuovo corso, che arricchisce e amplia l’offerta formativa dell’università reatina, è la trasformazione in lingua inglese dell’attuale Ingegneria per l’Edilizia Sostenibile, già attivo a Rieti e nato per formare ingegneri in grado di operare sulla conservazione e il recupero di immobili come pure in nuovi interventi costruttivi all’insegna del minimo impatto ambientale attraverso l’acquisizione di un’elevata preparazione scientifica e tecnologica in grado di fornire la capacità di progettare, pianificare e gestire soluzioni tecniche per molteplici e complesse situazioni in un quadro di sviluppo sostenibile sia a livello di edificio sia a livello di trasformazione del territorio.

Durante il corso saranno approfondite tematiche inerenti a:
• Riduzione della domanda e del consumo di energia da parte degli edifici nuovi e già esistenti;
• Sviluppo di tecniche passive di costruzione che sfruttino le specifiche condizioni di climatiche e le risorse naturali disponibili per favorire lo sviluppo sostenibile;
• Riutilizzo e riciclo dei materiali e dei componenti impiegati per le costruzioni;
• Estensione della vita media dei prodotti e degli edifici;
• Restituzione dei materiali al ciclo naturale, senza impatti per l’ambiente;
• Adozione di un uso sostenibile del territorio con pianificazione e progettazione partecipare di esso;
• Riduzione dell’urban sprawl, promozione del rinnovamento delle aree urbane e protezione delle aree naturali.

Per informazioni sul Corso scrivere a sbe@uniroma1.it

Rispondi