Portogallo: 860 cattolici, per lo più giovani, in progetti di volontariato missionario nel 2016

La Fondazione Fede e cooperazione ha annunciato che saranno 860 i cattolici portoghesi coinvolti in azioni di volontariato missionario nel 2016. I dati forniti dall’associazione rivelano che “saranno 341 i giovani e gli adulti che realizzeranno progetti in Paesi in via di sviluppo, mentre altri 519 compiranno attività missionarie in Portogallo”. Coloro che si dedicheranno al servizio di volontariato all’estero raggiungeranno numerose nazioni, integrandosi in programmi di corta o di più lunga durata: “Cabo Verde accoglierà 119 volontari; il Mozambico 66; le isole di São Tomé e Príncipe 64; l’Angola 40; la Guiné-Bissau 25; Timor Est 13; il Brasile 12; fuori dallo spazio lusofono, due volontari saranno destinati alla Repubblica Centrafricana”. I progetti di breve durata (da 15 giorni a sei mesi) coinvolgeranno 305 persone; le altre 36 realizzeranno attività che prevedono un periodo di residenza maggiore (da sette mesi a due anni). La Federazione evidenzia che “la grande maggioranza di coloro che sono partiti o partiranno nel 2016 hanno “un’età compresa tra i 18 e i 35 anni: l’85% di essi sono studenti appena laureati, o persone che lavorano e che utilizzano le ferie; e solamente 9 quelle disoccupate”; inoltre: “ben 14 volontari lasceranno il lavoro, e altri 9 hanno chiesto un permesso non retribuito per aderire a questi diversi progetti”. Le principali aree d’intervento sono: agricoltura, animazione socio-culturale, costruzione di infrastrutture, educazione, pastorale, salute.

Rispondi