Libri

Poggio Bustone, un libro svela il Battisti privato

La biografia "Emozioni private" scritta da Amalia Mancini sarà presentata nell’ambito della prima edizione della "Fiera delle Arti e dei Mestieri" di Poggio Bustone, paese natale del cantautore

Poggio Bustone ricorda Lucio Battisti con Emozioni private. È questo il titolo della nuova biografia su Lucio Battisti scritta da Amalia Mancini ed edita da Arcana, che racconta gli aspetti privati di uno dei musicisti italiani più amati di sempre. Il libro sarà presentato nell’ambito della prima edizione della “Fiera delle Arti e dei Mestieri”, venerdì 12 luglio 2019 alle ore 20.30, a San Pietro di Poggio Bustone.

La Fiera avrà luogo dall’11 al 14 luglio e ricorda la Fiera e ru Campu che aveva luogo il 15 settembre e rispettata fino al 2018. Per un segno di continuità con il passato, prima l’amministrazione Comunale, ora la Proloco organizza, in collaborazione con le altre associazioni presenti sul territorio comunale, una serie di eventi finalizzati ad incentivare lo sviluppo turistico legato alla valorizzazione del proprio patrimonio culturale, religioso ed enogastronomico.

Durante la presentazione del libro, aperta dal giornalista e scrittore Ruggero Marino, saranno proiettate foto inedite del gigante della musica italiana nato a Poggio Pustone, con l’accompagnamento musicale degli Skaperol che interpreteranno alcuni dei brani piu’ belli di Battisti per poi proseguire con il loro concerto. Saranno presenti i coordinatori della Biblioteca comunale Carlo Fagiani.

L’autrice scava nelle emozioni del “primo” Battisti, alla nascita, all’inizio della sua carriera, anche attraverso un’intervista esclusiva a Giulio Rapetti in arte Mogol, suo simbiotico paroliere. A 20 anni dalla morte del celebre autore, avvenuta il 9 settembre 1998, questo nuovo volume si discosta dalle precedenti biografie indagando nei meandri più nascosti della vita e della psicologia del “primo” Battisti, rivelando l’intima essenza di un uomo molto diverso dal personaggio pubblico che tutti conoscono, ma così bene trasmessa dalla sua musica.

L’autrice ha affrontato una lunga fase di ricerca nei luoghi e nel passato dell’artista. Nella lunga conversazione con Amalia Mancini, Mogol svela molti segreti dell’amicizia e della fertile collaborazione con Lucio, un artista tanto discreto nella vita pubblica quanto espressivo e sincero in quella musicale.

Nel libro ci sono i temi ricorrenti nelle canzoni di Battisti: l’amore, la malinconia, la libertà, la natura, l’ecologia, la paura, l’alienazione, la solitudine, il timore di una catastrofe naturale e umana.

«Ascoltare significa qualcosa», diceva Lucio, e riascoltare la sua musica, con il punto di vista di questa nuova biografia, può essere un’operazione stimolante e coinvolgente.

Rispondi