Per Rieti un bilancio d’oro ai Giochi Nazionali Invernali Special Olympics

XXVI Edizione dei Giochi Nazionali Invernali Special Olympics. Un’esperienza coi fiocchi per Donatella, Matteo e Moreno

Con tre medaglie d’oro e tre medaglie di bronzo in valigia, sta rientrando a Rieti la squadra reatina della Polisportiva Noi con Voi, grande protagonista alla XXVI edizione dei Giochi Nazionali Invernali Special Olympics ospitata dal comprensorio valdostano di La Thuile

Nell’affascinante stazione sciistica che nei giorni scorsi ha ospitato oltre 1000 persone tra Atleti, tecnici, volontari e familiari, la manifestazione ha visto tutti uniti per celebrare lo sport, inteso come passione, condivisione ed integrazione.

Sono oltre 400 gli Atleti con disabilità intellettiva che hanno partecipato alle gare cimentandosi nelle discipline di Sci alpino, sci nordico, corsa con le racchette da neve e snowboard.

Per Moreno Rinaldi dopo un brillante bronzo conquistato nella gara dei 500 metri di sci di fondo, è arrivata la medaglia del metallo più pregiato sulla distanza doppia sotto gli occhi soddisfatti del tecnico e vicedirettore provinciale di Special Olympics Enrico Faraglia, che ne ha curato la preparazione sulle nevi del Terminillo. Rompe invece il ghiaccio con l’atmosfera dei nazionali Donatella Mancini, che dopo i suoi successi letterari ottenuti con il libro “Specialmente io” si toglie la soddisfazione di un doppio bronzo nella corsa con le racchette da neve. Per il più giovane della spedizione, Matteo Santucci, gli slalom di La Thuile valgono un doppio oro che conferma quanto di buono dimostrato nelle passate edizioni dei Giochi Nazional sia nel gigante che nello speciale.

“Sono stati dei Giochi stupendi – spiega Enrico Faraglia – che ci hanno reso sicuramente più forti e consapevoli di poter superare i nostri limiti. Le parole piene di orgoglio dei genitori al telefono, tutta la determinazione messa in ogni prova e la gioia che ha contraddistinto le giornate sulla neve di La Thuile rafforzano in noi la convinzione che lo sport sia una grandissima opportunità di crescita e inclusione sociale. Speriamo che questo messaggio si amplifichi e raggiunga sempre più persone nel nostro territorio”.

I Giochi Invernali rappresentano, inoltre, un’occasione per promuovere la Campagna di Comunicazione #PlayUnified che, lanciata a livello mondiale da Special Olympics, mira, attraverso il coinvolgimento collettivo e la condivisione di un linguaggio comune, alla costruzione di una generazione unita ed inclusiva.

Anche in occasione di questi Giochi e nello specifico nelle discipline di sci nordico e corsa con le racchette da neve, sono state organizzate gare unificate, nelle quali Atleti con e senza disabilità intellettiva hanno gareggiato insieme.

Il giocare insieme, mettendosi in gioco, rappresenta infatti il modo più semplice e immediato per far comprendere all’intera comunità valori fondamentali come l’amicizia, il rispetto e l’inclusione sociale delle persone con disabilità intellettiva.

Rispondi