Papa in Lituania: mons Grusas, «bella coincidenza» con il centenario della ricostruzione dello Stato

«La Lituania è stata lieta di ricevere il messaggio che il Santo Padre Papa Francesco sarà nel Paese il 22-23 settembre 2018», così si legge nella nota apparsa sul sito della Conferenza episcopale lituana.

«La Lituania è stata lieta di ricevere il messaggio che il Santo Padre Papa Francesco sarà nel Paese il 22-23 settembre 2018».

Così si legge nella nota apparsa sul sito della Conferenza episcopale lituana.

La sala stampa della Santa Sede non ha ancora dato dettagli sul programma del viaggio nei Paesi baltici ma la nota anticipa che «il Papa incontrerà la comunità dei fedeli della Lituania, i giovani, i disabili, il clero, le suore e i monaci, gli esiliati, i prigionieri politici e i sopravvissuti all’Olocausto» e che ci sarà anche un «incontro con la presidente della Repubblica Dalia Grybauskaite».

Nei due giorni lituani il Papa visiterà Vilnius, dove incontrerà i giovani, il sabato sera, e Kaunas, dove celebrerà una solenne eucarestia. Ci si attende anche che «il Papa preghi di fronte alla Vergine Maria Madre della Misericordia nella cappella della Porta dell’Aurora» a Vilnius e visiti il Museo delle vittime del genocidio.

Per l’arcivescovo di Vilnius, mons Gintaras Grušas, presidente della Conferenza dei vescovi della Lituania, è «una bella coincidenza che il Papa abbia scelto di visitare le Repubbliche baltiche nell’anno in cui questi Paesi celebrano il centenario della ricostruzione dello Stato».

«Cristo Gesù è la nostra speranza» è il motto scelto per la visita lituana.

Ricorda la nota che «Papa Giovanni Paolo II visitò la Lituania 25 anni fa», rimanendo «per quattro giorni nel Paese che aveva riacquistato l’indipendenza».

La nota informa inoltre che a partire da luglio sarà possibile l’accredito e un sito in preparazione (www.popiežiausvizitas.lt) ospiterà le informazioni.

Rispondi