Chiesa di Rieti

Movimenti di sacerdoti nelle parrocchie

Con la ripresa degli incontri del terzo giovedì con i presbiteri e i diaconi, lo scorso 15 ottobre il vescovo Domenico ha annunciato alcuni spostamenti di sacerdoti nelle parrocchie, la cui cura, ha spiegato mons Pompili, «diventa nel concreto la nostra maniera quotidiana per esercitare la responsabilità pastorale»

Con la ripresa degli incontri del terzo giovedì con i presbiteri e i diaconi, lo scorso 15 ottobre il vescovo Domenico ha annunciato alcuni spostamenti di sacerdoti nelle parrocchie, la cui cura, ha spiegato mons Pompili, «diventa nel concreto la nostra maniera quotidiana per esercitare la responsabilità pastorale». E non senza sottolineare che il momento dei cambiamenti è importante, perché «è questa possibilità di avere un nuovo pastore e una nuova comunità un dono che arricchisce l’uno e l’altra, con qualche contraccolpo emotivo che occorre saper gestire insieme».

Per quanto riguarda Rieti città, a Regina Pacis andrà mons Mariano Assogna, coadiuvato da don Giovanni Gualandris; al loro posto, alla parrocchia del Sacro Cuore al quartiere Quattro Strade, entrerà don Francesco Salvi. Come già annunciato su «Frontiera», a San Michele Arcangelo don Ferdinando Tiburzi diventa collaboratore del parroco don Benedetto Falcetti.

A Leonessa, accanto a padre Orazio Renzetti, confermato parroco, è giunto il suo confratello padre Alberto Ciccone, insieme all’altro cappuccino – frate laico – Alessandro Recchioni. Nell’altopiano leonessano, dove lascia don Giovanni Gualandris, e per i paesi compresi nelle parrocchie di Vindoli e Terzone arriva don Stanislao Puzio, che resta parroco di Accumoli lasciando Casette e Grotti.

Di queste ultime parrocchie si occuperanno don Jean Baptiste Sano e don Cristoforo Kozlowski, che uniscono così queste due comunità che confinano con la loro realtà parrocchiale del quartiere Villa Reatina.

A Fiamignano fino a San Paolo di Radicaro e a Marcetelli e nella zona del Cicolano comprendente Fiumata, Staffoli, Girgenti, Vallececa va come parroco don Wladimiro Spaleniak, coadiuvato dai padri nigeriani John Ukai Akuma e Paul Osuala dei Figli di Maria Madre della Misericordia. A Corvaro di Borgorose va don Josaphat Wasukundi che lascia Castel di Tora e Colle di Tora, dove resta don Joachim Nzuki Katembo e si aggiunge don Robert Kasereca (nuovo arrivo fra i sacerdoti studenti): con don Stany Ju’ess, già presente a Collalto Sabino, si occuperanno della vallata che comprende anche Ascrea e Paganico, da cui viene via don Carlo Dalla Palma. Quest’ultimo torna in città, per collaborare con don Giovanni Franchi a San Francesco Nuovo, parrocchia del quartiere Piazza Tevere.

A Morro Reatino la responsabilità resta in testa al vicario foraneo don Luciano Candotti, ma la domenica saranno i frati Minori di Poggio Bustone a celebrare la Messa.

Rispondi