Monitoraggio antisismico del campanile della Cattedrale di Rieti

Si è svolto venerdì 15 luglio a Roma presso la sede dell’Enea il 2° Workshop di presentazione dei risultati del primo anno di attività del Progetto Cobra per lo sviluppo e la diffusione di metodi, tecnologie e strumenti avanzati per la conservazione dei beni culturali mediante l’applicazione di radiazioni e i tecnologie abilitanti.

L’incontro, coordinato dalla dott. Roberta Fantoni, è stato incentrato sulla presentazione dello stato della ricerca attraverso l’implementazione di facility ICT, l’installazione di videocamere Nir nell’ambito del laboratorio DySCo, l’applicazione dello spettrometro THz e dell’analisi Pixe.

Sono stati poi illustrati i risultati parziali dei lavori già intrapresi a Ronciglione presso la chiesa di San Costanzo, a Roma presso la domus Valeriorum al Celio, a Rieti per il monitoraggio antisismico del campanile della cattedrale di Santa Maria Madre di Dio, presso il quale è stato sviluppato un sistema di sensori termici e strutturali cablati in serie su un unico cavo sottile che collega le catene posizionate dopo il terremoto del 1898, quando il munifico intervento del vescovo Bonaventura Quintarelli impedì la demolizione della cella campanaria costruita nel 1252 quando il vescovo Tommaso da poco eletto alla guida della Chiesa reatina incaricò i maestri lombardi Pietro, Andrea ed Enrico della costruzione in posizione antistante alla cattedrale, alta più di 37 metri, dalla base quadrilatera di m. 7.67 x 7.57.

I dati raccolti dai sensori vengono acquisiti e trasmessi con collegamento Gprs al Centro Ricerche Enea di Frascati mediante un hardware appositamente sviluppato per l’applicazione ed archiviati automaticamente all’interno del repository Cobra mediante il sistema di storage implementato nell’ambito del progetto.

Il prossimo appuntamento è fissato al 20 gennaio 2017 presso la sede Ene di Frascati, dove gli user end e tutti gli interessati potranno visitare i laboratori e prendere contatto diretto con le strumentazioni messe a punto per garantire il successo del Progetto Cobra che si concluderà di qui ad un anno.

Rispondi