Associazioni

Messa per i defunti Alcli: uniti nel ricordo e nel pensiero

Quest'anno la tradizionale commemorazione dei defunti dell'Alci si è svolta alla sola presenza del consiglio direttivo e dei frati di Fonte Colombo, ma la tecnologia ha accorciato le distanze e ha permesso di sentirsi anche questa volta un'unica grande famiglia

Per i motivi epidemici ormai noti a tutti, quest’anno la tradizionale Santa Messa di commemorazione dei defunti dell’Alci Giorgio e Silvia, si è svolta nella sala conferenze della Casa di Accoglienza alla sola presenza del consiglio direttivo e dei frati di Fonte Colombo.

L’intera celebrazione per la prima volta è andata in onda in diretta televisiva sull’emittente Rtr: una soluzione tecnologica che ha consentito ai numerosi volontari e soci di seguire un appuntamento annuale molto importante per l’associazione.

«Il destino dei volontari si è legato in modo indissolubile a quello di ogni persona cara che è stata assistita: ciascuno ha lasciato un segno profondo nelle nostre esistenze e, per loro e nel loro ricordo, ritroviamo la forza per continuare ad essere al fianco dei malati e delle loro famiglie – ha sottolineato la presidente Santina Proietti – anche in questo brutto periodo di pandemia, nonostante le distanze, ci sentiamo comunque tutti vicini ed uniti affinché nessuno si senta mai solo e affinché tutti i nostri cari angeli, non vengano mai dimenticati».

Ad officiare la messa don Fabrizio Borrello, guida spirituale dell’associazione. L’animazione musicale liturgica è stata affidata ai postulanti e frati di Fonte Colombo uniti da una pluriennale amicizia con l’associazione.

I volontari e i soci, anche quelli residenti a Roma, hanno seguito con grande commozione la celebrazione e nonostante le distanze, hanno percepito la sensazione di sentirsi parte di una preghiera corale.

Al termine della commovente commemorazione pregna delle parole di speranza di don Fabrizio, sono state distribuite ai presenti le rose bianche di un grande e simbolico cuore floreale, in segno dell’amore verso il prossimo che ispira da sempre l’associazione.

Rispondi