Ricordi

Massimo Troisi, 25 anni fa moriva il ‘comico malinconico’ tradito da un cuore malato

Il 4 giugno 1994 moriva, a soli 41 anni, Massimo Troisi. Il ‘comico malinconico’ che ha lasciato un segno indelebile nella storia del cinema italiano

Troisi inizia la sua carriera insieme al trio comico ‘La Smorfia’ (con Lello Arena e Enzo Decaro), con il quale approda in televisione e si fa conoscere al grande pubblico. Nel 1981 arriva l’esordio sul grande schermo con “Ricomincio da tre”, film del quale firma anche la regia, che si rivela un grande successo al botteghino. Nasce così il personaggio del ragazzo timido e impacciato, dal linguaggio ‘napoletano-sgrammaticato’, che lo accompagnerà per gran parte della sua carriera. Qualche anno dopo firma la sua seconda regia “Scusate il ritardo”, a cui segue “Le vie del Signore sono finite”. Recitò anche in film di altri registi (come Ettore Scola), ma non rinunciò mai al teatro. Tra le sue pellicole più famose c’è “Non ci resta che piangere”, diretto e interpretato insieme a Roberto Benigni nel 1984, e l’indimenticabile “Il postino”, la sua ultima pellicola le cui riprese terminarono pochi giorni prima della sua morte.

In occasione del venticinquennale della sua prematura scomparsa, Techetechetè ricorda Massimo Troisi con una monografia speciale, che andrà in onda martedì 4 giugno, alle 20.30, su Rai 1. Attore, regista, poeta dei sentimenti, ha saputo divertire ed emozionare come nessun altro, conquistando un posto tra i maggiori artisti dello spettacolo, non soltanto del ‘900, ma di tutti i tempi. La maschera atemporale di Troisi sarà il fulcro da cui partirà il racconto di Techetechetè, omaggio alla memoria di un artista che si conferma a tutt’oggi transgenerazionale. Ampio spazio dedicato al dietro le quinte, ai momenti di vita privata, alle memorabili apparizioni televisive, alle interviste con risposte folgoranti e alle immagini inedite custodite negli archivi Rai.
La puntata di Techetechetè si avvarrà di interviste esclusive, preziose testimonianze ed aneddoti di chi ha conosciuto da vicino il comico partenopeo. Già dagli esordi nel 1977 con il trio de La Smorfia, insieme ai sodali amici Lello Arena ed Enzo Decaro, all’interno della trasmissione Non Stop, Massimo Troisi impose il suo talento e la sua mimica facciale, elementi intangibili della gloriosa commedia dell’arte.

La puntata verterà anche sull’amicizia di Massimo Troisi con Pino Daniele: l’incontro di due anime sensibili, che ha permesso di comporre a quattro mani canzoni vibranti senza tempo. Tra le altre, “Quando” e “O ssaje comm’ fa o’ core”, divenute celeberrime colonne sonore dei film diretti ed interpretati dallo stesso Troisi. Musiche per il cinema entrate nella memoria collettiva. E nella vita di tutti gli italiani.

di Maria Rita Graziani per Dire.it

Rispondi