Lungo le strade della misericordia

Sette puntate di “Siamo noi” in prima serata per raccontare le opere di misericordia corporale

Un viaggio in sette puntate per raccontare la declinazione moderna e attuale delle opere di misericordia corporale. Dal 21 giugno “Siamo noi”, il programma pomeridiano di Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre, 18 di TvSat, 140 di Sky, in streaming su www.tv2000.it) condotto da Gabriella Facondo e Massimiliano Niccoli, approda il martedì in prima serata e diventa “Siamo Noi. Lungo le strade della misericordia”.
“Dare da mangiare agli affamati, dare da bere agli assetati” sono state le opere di misericordia corporale al centro della prima puntata, aperta dall’attrice Lina Sastri. In studio, a riflettere sull’antico invito a “dare da mangiare e a dare da bere”, padre Giulio Albanese, direttore di Popoli e Missione, lo scrittore Erri De Luca, ed Ernesto Pellegrini, che ha promosso a Milano la realizzazione di “Ruben”, il primo ristorante solidale ad un 1 euro. “In ogni puntata – spiega Dario Quarta, capoprogetto del programma – presenteremo un’opera di misericordia concretizzatasi in un progetto già in corso o in partenza, che potrà essere sostenuto dai nostri telespettatori, e ospiteremo un giovane street artist che fornirà una sua interpretazione dell’opera di misericordia al centro della puntata”. “L’Italia è un Paese pieno di disponibilità, volontariato e condivisione”, aggiunge Quarta, secondo il quale “essendo ‘Siamo noi’ un programma contagioso nel bene, nel buono e nel bello, avremo raggiunto l’obiettivo se riusciremo a far venire ad altri il desiderio e la voglia di impegno ed allargare i cuori di chi ci guarda al desiderio di misericordia”. I temi delle prossime puntate saranno: visitare gli infermi (28 giugno), vestire gli ignudi (5 luglio), visitare i carcerati (12 luglio), seppellire i morti (19 luglio), accogliere i pellegrini (26 luglio). La puntata conclusiva del 2 agosto, invece, offrirà un racconto corale dei giovani, dei sacerdoti, delle religiose e dei vescovi italiani di ritorno dalla Giornata mondiale della gioventù di Cracovia e dall’incontro con Papa Francesco.
“In studio intorno al tavolo – sottolinea Quarta -, siederanno persone che siano in grado di aiutarci a fare riflessioni, altre che proporranno testimonianze di vita che concretizzano le opere di misericordia, altre ancora racconteranno di come stanno costruendo il bene comune nel Paese, facendo cose buone e innovative”. All’inizio di ogni puntata sarà un attore italiano a leggere il brano del Vangelo di Matteo sul giudizio finale, per introdurre nello spirito della trasmissione: dopo la Sastri si alterneranno Lino Banfi, Francesco Pannofino, Monica Guerritore, Leo Gullotta e Pamela Villoresi.

Rispondi