Le crepes

“Per fare una crepe ci vogliono solo uova, latte e farina… Per farla buona bisogna solo imparare a farla bene …”

Una pietanza con un’origine antichissima che affonda le proprie radici nel periodo medioevale, nata quando Papa Gelasio, per sfamare un consistente numero di pellegrini francesi giunti a Roma, fece mettere assieme dai cuochi vaticani una notevole quantità di uova e farina, il tutto poi cotto su piastre roventi che diede vita alle prime rudimentali crepes. Il nome giunge dal latino crispus, ossia arricciato o ondulato, infatti in Italia la crepe viene chiamata “crespella”.

In passato in Francia la crepe era simbolo di amicizia ed alleanza, piatto protagonista della festa della Candelora (2 febbraio), la tradizione voleva che, quando la crepe veniva voltata nella padella si esprimesse un desiderio.

Il barone De Amery, il visconte De La Garse e il nobiluomo inglese Joseph Dely segnalarono la svolta preparando le prime crepes salate, compresero che eliminando lo zucchero dalla pastella, poteva accompagnarsi ai formaggi, ai salumi e alle verdure; si riunirono a Parigi, sul finire del diciannovesimo secolo, e crearono, per il loro piacere personale, un ristorante a base esclusiva di crepes lo “Chez Les Amis ”. Era il periodo della Belle Epoque, le crepes molto apprezzate venivano cucinate sul momento e accompagnate da bicchieri di cidro; in seguito vennero integrati sapori mediterranei rispettando comunque la tradizione.

Ingredienti per 12 crepes

  • 250 g di farina 00
  • 1/2 litro di latte
  • 3 uova
  • 40 g di burro
  • 30 g di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 1 barattolo di nutella
  • zucchero a velo

Procedimento

In una ciotola mettere la farina, lo zucchero e il sale; in un pentolino a fuoco basso sciogliere il burro, quando è sciolto spegnere la fiamma e tenerlo da parte.
Aggiungere alla farina il latte poco alla volta, girare con una frusta o forchetta.
Se si formano grumi di farina continuare a girare finché non verrà una pastella liscia.
Sbattere 3 uova con una forchetta ed aggiungerle alla pastella, far incorporare bene le uova, aggiungere il burro fuso, e girare ancora il tutto, coprire con la pellicola trasparente e lasciare riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Prendere la pastella, e utilizzando una padella riscaldata a fuoco medio/basso, spalmare un po’ di burro sul fondo e aggiungerne un mestolo, muovendo la padella e inclinandola fare in modo che l’impasto venga distribuito uniformemente. Dunque far cuocere le crepes da un lato all’altro ed evitare che diventino troppo scure.
Spalmare 1 cucchiaio di nutella, o marmellata, o ricotta, o miele, o ciò che piace, sulla superficie e ripiegarla su se stessa nel modo che si preferisce, cospargerle di zucchero a velo e servirle ancora calde.

Rispondi