Teatro

L’attrice Giulia Vannozzi in Residenza Artistica a Poggio Mirteto

L'attrice fiorentina Giulia Vannozzi è la vincitrice del Bando per Residenza Artistica Nazionale in corso presso gli spazi del Teatro delle Condizioni Avverse a Poggio Mirteto con il progetto “Notturni della città”

L’attrice fiorentina Giulia Vannozzi è la vincitrice del Bando per Residenza Artistica Nazionale in corso presso gli spazi del Teatro delle Condizioni Avverse a Poggio Mirteto con il progetto “Notturni della città”.

Giulia Vannozzi è attrice e operatrice di teatro sociale. Si è diplomata a Roma con Giorgina Cantalini e all’Università Cattolica di Milano con il Professor Bernardi. Ha studiato con Alessio Bergamo, Paolo Rossi, Oskaras Korsunovas, Rodrigo Garcia e Tomi Janezič. Lavora come attrice in teatro e televisione, collaborando con varie realtà toscane fra cui il Teatro della Pergola e il Vivaio del Malcantone. Scrive monologhi di stand up comedy e cura la regia di brevi performance.

Ideato da Andrea Maurizi, il progetto “Notturni della Città”, vuole realizzare dei percorsi teatrali notturni e raccontare alcune storie della città, nei luoghi dove sono accadute. Promosso da MIBAC, Regione Lazio per la Cultura e i Comuni di Montopoli di Sabina, Poggio Mirteto e Salisano, in collaborazione con Arci, all’interno del più vasto progetto della Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina TerrArte 2019 a cura del Teatro delle Condizioni Avverse.

Venerdì 11 ottobre, alle ore 21, presso la Sala al 17! In Via Diego Eusebi, 17 a Poggio Mirteto, l’artista ed il critico Simone Nebbia, incontreranno il gruppo di spettatori attivi per conoscere da vicino il percorso teatrale e di ricerca che si sta svolgendo in Sabina.

Il progetto è inserito nell’ambito dell’attuazione delle disposizioni dell’art. 43 – “Residenze” del D.M. 27 luglio 2017, approvato con intesa triennale relativa alle Residenze artistiche per il triennio 2018-2020, promosso e finanziato da MIBAC e Regione Lazio.

Il progetto degli spettatori attivi si sviluppa attraverso un percorso fatto di incontri e di visioni di spettacoli dal vivo.

Durante gli incontri saranno forniti dal critico Simone Nebbia gli strumenti teorici per poter leggere ed interpretare in maniera più consapevole gli spettacoli, ci si confronterà e ci si allenerà ad elaborare un pensiero critico personale. La visione degli spettacoli dal vivo (non obbligatori) completeranno il percorso e forniranno uno stimolo ulteriore per approfondire il ruolo dello spettatore.

Gli incontri sono gratuiti e aperti a tutti.
Per informazioni www.condizioniavverse.org

Rispondi