Laser in musica per l’Eneide di Krypton al Vespasiano

Si è tenuta nella serata del 21 luglio, al Teatro Flavio Vespasiano, la messsa in scena dello spettacolo “Eneide di Krypton un nuovo canto”, a cura di Krypton. L’iniziativa è compresa tra quelle di Ric – Regione Invasioni Creative, in corso a Rieti tra il 21 e il 27 di luglio.

«È stato un evento di assoluta qualità e di grande bellezza – ha dichiarato a «Frontiera» l’assessore alle Culture e Turismo Diego Di Paolo – che ha portato in città anche un numeroso pubblico romano. Qualche reatino in più, però, non ci sarebbe dipiaciuto».

Krypton fonda la sua poetica sull’esplorazione delle tecnologie e della loro applicazione sulla scena e nelle arti. L’uso della modulazione laser e la sua capacità di creare architetture e modificare lo spazio si delinea di volta in volta come una possibilità nuova, in divenire, di intervento sul mondo sensibile. A questa ricerca Krypton affianca un profondo lavoro sulla drammaturgia, dai testi di maestri del Novecento, come Beckett, Pinter e Jarry, alla rivisitazione di testi classici, alla giovane creazione contemporanea.

Foto di Massimo Renzi.

Rispondi