L’amore umano non è che un riflesso di quello divino

Noi cristiani sappiamo anche che l’amore umano non è che un riflesso di quello divino, e dunque non può esaurirsi se è sincero e vero, improntato al rispetto reciproco e all’amicizia cordiale e generosa.

Ai nostri giovani bisogna trasmettere questo messaggio con discreta convinzione, poiché loro sono avidi di valori e di prospettive così cariche di significato e sono disposti, a volte nonostante le apparenze, a scommetterci la vita.

Mi sento di rivolgere alle coppie cristiane un pacato e cordiale, ma anche fermo ammonimento: abbiate il coraggio di non cedere alla tentazione di mandare all’aria tutto il progetto di una vita, solo perché oggi “fanno tutti così”; sappiate testimoniare con le parole e con l’esempio che il Matrimonio non è la stessa cosa della convivenza, che la precarietà non è la stessa cosa dell’amore per tutta la vita; che il matrimonio civile non è la stessa cosa del Matrimonio Sacramento.

Abbiate il coraggio di andare anche contro corrente e di non temere di essere presi per retrogradi e superati. La Chiesa vi è vicina e combatte la stessa battaglia. Certi valori sono sempre attuali, la verità non invecchia mai!

Rispondi