Scuola

L’Alberghiero di Amatrice alla Festa della Pace di Acr

Il Centro di Formazione Professionale Alberghiero di Amatrice è stato accanto all’Azione Cattolica Ragazzi, che celebra in queste settimane il Mese della Pace.

Il Centro di Formazione Professionale Alberghiero di Amatrice è stato accanto all’Azione Cattolica Ragazzi, che celebra in queste settimane il Mese della Pace.

Sabato si è svolta la tappa dell’itinerario di formazione che fa riferimento al tema del cibo e della sua condivisione, con l’obiettivo di avere nel mondo una tavola cui tutti possano sedersi in modo equo.

Gli studenti di sala e cucina del Centro afferente all’Istituzione Formativa di Rieti, hanno affiancato in particolare, la fascia d’età dai 9 agli 11 anni: per loro è stato pensato un momento culinario con preparazione e condivisione di piatti provenienti dai cinque continenti. All’iniziativa ha preso parte anche “L’allegra brigata” gruppo di volontariato che svolge la propria attività anche presso la mensa di Santa Chiara. Il docente Francesco Betori ha capitanato il lavoro degli studenti che hanno realizzato bruschette rosse, cous cous di verdure, riso cantonese, mini burrito e per finire in dolcezza i lamingtons, dolcetti australiani.

Nei locali della parrocchia di Campoloniano, i bambini hanno riflettuto sul valore del cibo, sugli sprechi e sulla gioia di condividere la tavola con tutti.

«È stato bello ed emozionante vedere gli “Accierrini” impegnati e felici di preparare e servire specialità di altri continenti – ha commentato Licia Alonzi, Presidente dell’Istituzione Formativa di Rieti – Conoscere altre abitudini è uno dei modi per avvicinarsi all’ altro e costruire rapporti positivi. Don Tonino Bello diceva che bisogna aspirare alla convivialità delle differenze. Grazie a Francesco Betori e alla Allegra brigata, che hanno elaborato ricette dei cinque continenti con la collaborazione del Centro di Formazione Professionale Alberghiero di Amatrice. Un grazie speciale agli educatori e ai responsabili dell’ACR per il loro servizio gratuito a favore dei ragazzi».

Rispondi