Genova

La testimonianza da Genova, sotto le macerie del ponte Morandi ci sono auto e tir: «sono venute giù tutte»

«Sotto le macerie ci sono auto, tir, di tutto: son venute giù tutte. Quello è un ponte trafficatissimo, la gente di Genova per saltare il traffico fa sempre quel pezzo di autostrada. E oltretutto su quel pezzo di strada c’è sempre coda: quindi ci si può immaginare cosa è venuto giù».

«Sotto le macerie ci sono auto, tir, di tutto: son venute giù tutte. Quello è un ponte trafficatissimo, la gente di Genova per saltare il traffico fa sempre quel pezzo di autostrada. E oltretutto su quel pezzo di strada c’è sempre coda: quindi ci si può immaginare cosa è venuto giù».

È la testimonianza di Luca Ventura che stamattina si trovava in coda nella sua auto a poca distanza da dove è crollata parte del ponte Morandi sull’autostrada A10 a Genova.

«Stamattina ero lì in coda e già da diverso tempo. Ma visto che pioveva molto ho pensato che si fosse allagato qualche sottopasso – aggiunge Luca Ventura – Ma poi guardando nel fiume mi sono accorto che c’erano come delle case dentro il fiume, all’inizio non riuscivo a capire, poi ho realizzato che erano parti del ponte».

Auto distrutte, lamiere contorte. Sarebbe di decine di vittime il bilancio del crollo del Ponte Morandi avvenuto poco dopo le 12 sull’autostrada A10. I media locali, riportano: «Lo scenario è terribile: il traffico in zona è completamente bloccato e si sentono sirene ovunque».

Sul posto sarebbero almeno 50 i mezzi di soccorso, tra vigili, carabinieri, polizia, protezione civile e vigili del fuoco. In azione anche l’elicottero dei Vigili del Fuoco che sta compiendo un sopralluogo sopra il ponte: il rischio- secondo quanto si apprende – è che possano crollare anche le parti rimanenti della struttura. Molte case a ridosso del ponte sono state fatte evacuare a scopo precauzionale. I soccorritori si sono recati personalmente porta a porta per avvertire i residenti e aiutarli nelle operazioni di sgombro. Diversi cittadini sono in strada con borse e valigie. Le linee telefoniche risultano intasate.

da Dire

Rispondi