Chiesa di Rieti

La Madonna di Fatima pellegrina a Leonessa

Settimana mariana sull'altopiano a cavallo tra luglio e agosto, al termine la statua arriverà a Regina Pacis

A pochi giorni da quella a Grotti e Casette, nuova peregrinatio Mariæ in terra reatina. La Madonna Pellegrina di Fatima sosterà a Leonessa la settimana a cavallo tra luglio e agosto, per poi fare tappa in città prima del saluto.

La settimana mariana con l’immagine sacra, che riproduce fedelmente la statua venerata nel santuario portoghese, è stata organizzata dalla parrocchia del capoluogo leonessano guidata da padre Orazio Renzetti, d’intesa col servizio coordinamento missioni mariane dell’Apostolato di Fatima (che in zona fa capo alla diocesi di Sabina-Poggio Mirteto). L’iniziativa giunge al termine dell’itinerario nazionale che ha visto la venerata effigie toccare diverse diocesi italiane a partire dal 27 aprile, a due anni dal centenario delle apparizioni di Fatima e nel centenario della morte del piccolo san Francisco de Jesus Marto – il pastorello che con la sorella Giacinta e la cugina Lucia ebbe le visioni della Vergine a Cova da Iria – e a sessant’anni dalla consacrazione dell’Italia al Cuore Immacolato di Maria (avvenuta a Catania il 13 settembre 1959, a conclusione del XVI Congresso eucaristico nazionale ivi celebrato).

Dopo le intense giornate leonessane, la statua, prima di ripartire, sarà salutata in città presso la chiesa parrocchiale di Regina Pacis. Insieme all’immagine di Maria, si potranno venerare anche le reliquie dei santi veggenti Francisco e Giacinta.

Nutrito il programma delle celebrazioni, a partire dall’arrivo della statua il pomeriggio del 28 luglio: alle 17, la comunità leonessana l’accoglierà presso Porta Spoletina e di lì, in processione lungo il corso San Giuseppe, raggiungerà la chiesa di San Pietro sulla piazza centrale, dove si terranno il Rosario e la Messa e la sera la veglia mariana.

Da lunedì a sabato, un susseguirsi di giornate di preghiera e riflessione, scandite da un programma ripetuto ogni giorno: al mattino Rosario alle 8.30, una prima Messa alle 9 e due catechesi mariane, una alle 10 e una il pomeriggio alle 16; alle 17.30 altro Rosario, seguito dalla Messa delle 18, e alle nove di sera una veglia di preghiera. I momenti serali saranno incentrati ogni giorno su una diversa sfaccettatura: lunedì veglia vocazionale (“Corro per la via del tuo amore”), martedì veglia del servizio e della gioia (“Chiamati al servizio”), mercoledì sarà sul tema familiare (“Famiglia: chiesa domestica”), giovedì sul sacerdozio in forma di adorazione eucaristica (“Scelti per Dio fra gli uomini”) mentre venerdì sarà incentrata sul Crocifisso e il dolore come adorazione della Croce (“Io lo guardo e Lui mi guarda”); l’ultima sera, processione con l’immagine mariana lungo le vie di Leonessa.

La giornata finale, domenica 4 agosto, si aprirà col Rosario delle 8 e a seguire tre Messe festive. Nel pomeriggio, alle 16 la statua partirà in processione da San Pietro lungo il corso e, raggiunta Porta Spoletina, verrà caricata in macchina per viaggiare alla volta di Rieti.

Giunta in città, in piazza Matteocci l’effigie sarà accolta alle 17.30 nella parrocchia Regina Pacis, dove si terrà il Rosario seguito alle 18 dalla celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Domenico; quindi, piccola processione nelle vie attorno al complesso parrocchiale per salutare la Madonna alle 20.

Rispondi