Basket

La Kienergia lotta fino all’ultimo ma la spunta Forlì 74-79

In una settimana difficile, al termine di un mini ciclo imposto dal calendario, la Kienergia Rieti lotta fino all'ultimo contro la Unieuro Forlì ma alla fine sono i romagnoli a sorridere vincendo al PalaSojourner per 74-79.

In una settimana difficile, al termine di un mini ciclo imposto dal calendario, la Kienergia Rieti lotta fino all’ultimo contro la Unieuro Forlì ma alla fine sono i romagnoli a sorridere vincendo al PalaSojourner per 74-79.

Una Rieti gagliarda fino al 40′ si batte con tutte le sue forze di fronte ad un’avversaria quotata ma sorpresa dalla partenza razzente dei reatini che, complice un Sanguinetti davvero ispirato, chiudono il primo quarto avanti 19-16. Rieti gioca bene, difesa solida, Roderick in difficoltà ma a questo punto è Rush che sale in cattedra. Triple e rimbalzi offensivi per 15 punti nel solo primo tempo e la bomba di fine secondo quarto che inchioda il tabellone sul 45-39 per Forlì. Rieti è lì, mentalmente presente, combattiva, con una difesa asfissiante ed un De Laurentiis onnipresente, Roderick prova ad accendersi ma è Giachetti con un paio di giocate a tenere ancora avanti gli ospiti per il 59-61 del 30′. Ultimo quarto punto a punto, Rieti mette la testa avanti ma alla fine è la lucidità di Forlì a permettere agli ospiti di espugnare il PalaSojourner. La lotteria dei liberi premia l’Unieuro, Rieti può recriminare ma la strada tracciata è quella giusta e la Kienergia può preparare il prossimo match con Chieti con molte certezze in più.

Alessandro Rossi: “Innanzi tutto devo ringraziare i ragazzi, perché sono andati in campo in una condizione emotiva difficile, quindi siamo tutti vicinissimi a Dalton e Steve in questo momento drammatico che va ben oltre la partita odierna. Quanto al match, abbiamo fatto una partita dignitosa. Abbiamo giocato contro una grande squadra che nel primo tempo ha saputo sfruttare il momento in cui avevamo problemi di falli con i lunghi castigando ogni piccola situazione, producendo tre punti e tirando con altissime percentuali. Siamo stati bravi nel III e IV quarto a rientrare e avere anche molto spesso il comando della partita e a fare andare fuori giri i loro miglior giocatori. Nel finale ci è mancato un pizzico di lucidità, quando sul più tre forse potevamo gestire un pochino meglio un paio di possessi. Ci fa male, ci fa tanto male. Personalmente, non mi è mai capitato di perdere a Rieti tre partite consecutive da quando sono capo allenatore qui e quindi è un momento particolare. Un momento dal quale usciremo tutti insieme. Oggi dobbiamo tornare a casa con tanto rammarico. E questo ci deve far capire che ce la siamo giocata contro una squadra davvero forte”.

Giuseppe Cattani: “Forlì è oggettivamente una squadra con un potenziare superiore al nostro ma posso dire che per come si è svolta la partita, se avessimo vinto non avremmo rubato niente a nessuno. Complimenti a loro perché sono una squadra forte però noi oggi abbiamo dimostrato che se riusciamo a dare tutti quanti quel piccolo mattoncino di cui parliamo sempre possiamo toglierci molte soddisfazioni. L’unico rammarico sul finale perché noi probabilmente avremmo perso comunque la partita ma a 10 secondi dalla fine o giù di lì noi stavamo facendo fallo sistematico e avrei preferito fossero stati i tiri in campo a decretare il vincitore. Alla squadra non posso rimproverare niente, hanno fatto una grande prestazione con un grandissimo avversario”.

 

Kienergia Rieti – Unieuro Forli 74-79 (19-16, 20-29, 20-16, 15-18)

Kienergia Rieti: Quirino De laurentiis 17 (6/7, 1/1), Giacomo Sanguinetti 15 (2/3, 3/9), Steve Taylor 14 (4/4, 1/3), Francesco Stefanelli 10 (1/3, 2/5), Claudio Tommasini 8 (2/4, 1/5), Dalton Pepper 7 (2/3, 1/4), Carlo Fumagalli 2 (0/2, 0/4), Nikola Nonkovic 1 (0/0, 0/0), Riziero Ponziani 0 (0/0, 0/0), Alessandro Sperduto 0 (0/0, 0/0), Alessio Fruscoloni 0 (0/0, 0/0), Milos Vujanac 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 18 – Rimbalzi: 35 8 + 27 (Quirino De laurentiis 13) – Assist: 18 (Giacomo Sanguinetti 7)

Unieuro Forli: Erik Rush 17 (4/7, 2/6), Terrence Roderick 17 (5/8, 0/1), Nicola Natali 14 (3/5, 2/4), Aristide Landi 13 (1/3, 3/6), Jacopo Giachetti 9 (2/5, 1/3), Davide Bruttini 5 (2/3, 0/1), Yancarlos Rodriguez 2 (0/3, 0/1), Riccardo Bolpin 2 (0/2, 0/1), Luca Campori 0 (0/0, 0/0), Samuel Dilas 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 21 / 25 – Rimbalzi: 29 7 + 22 (Erik Rush 8) – Assist: 15 (Terrence Roderick 7)

ph Alessio De Marco

Rispondi