La Fondazione Varrone promuove un ponte culturale tra Assisi e Rieti

Migliaia di depliant sulla Valle Santa reatina in distribuzione alla prestigiosa mostra documentaria su San Francesco nel sacro convento d’Assisi aperta fino a maggio

La Fondazione Varrone prosegue il suo impegno a sostegno di iniziative finalizzate allo promozione del territorio e soprattutto alla valorizzazione del patrimonio storico, naturalistico e religioso, contribuendo alla realizzazione di migliaia di brochure riguardanti la Valle Santa e il percorso spirituale-paesaggistico del Cammino di Francesco.

“Cammino nella natura, naturalmente Francesco”, è il titolo della brochure curata dall’Associazione culturale Antiqua che si è impegnata, in occasione della prestigiosa Mostra documentaria “Frate Francesco, tracce, parole, immagini”, in svolgimento presso il Sacro Convento di Assisi, a distribuire ai numerosi visitatori provenienti dall’Italia e dall’Estero. Per la prima volta in Italia saranno esposti al pubblico, i più antichi manoscritti e documenti riguardanti Santo patrono d’Italia nel Museo del Tesoro della Basilica di San Francesco che rimarrà aperta fino al 31 Maggio.

Sono 13 codici e 6 documenti d’archivio, quasi tutti dei secoli XIII e XIV, provenienti dal Fondo Antico della Biblioteca comunale di Assisi presso la Biblioteca del Sacro Convento di Assisi. All’interno della mostra si trova uno significativo documento scritto a Rieti nel 1228 riguardante la decisione del Papa Gregorio IX (che al tempo soggiornava a Rieti), di costruire il primo Santuario sepolcrale per il Frate, per il quale chiedeva contributi economici in cambio di indulgenze e benedizioni. Un atto importante celebrativo nei confronti di colui che ancora non era stato canonizzato, un riconoscimento concreto del Papa nei confronti della straordinaria opera di quel Frate che divenne poi Santo.

Tali preziosi manoscritti francescani, sono stati esposti in anteprima nello scorso inverno, a New York presso la sede Onu e al Brooklyn Borough Hall con un sorprendente successo di visitatori. Si tratta di un evento straordinario perché il tesoro documentario su S.Francesco, non aveva mai lasciato prima l’Italia.

«Abbiamo voluto portare ad Assisi, un pezzo importante della vita di San Francesco svoltasi in terra reatina, che ha generato la Valle Santa e il Cammino di Francesco, attraverso la realizzazione di migliaia di depliant che sono in distribuzione all’interno della prestigiosa Mostra documentaria nel Sacro Convento di Assisi» commenta il Presidente della Fondazione Varrone, Antonio Valentini.

«La Fondazione in diverse occasioni è intervenuta a sostegno di iniziative di valorizzazione della Valle Santa, tra cui ricordo il sostanzioso contributo alla mostra “Francesco, il Santo. Capolavori nei secoli e dal territorio reatino”, nata dalla collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici del Lazio e il Comune di Rieti» conclude Valentini.

Al termine della Mostra “Frate Francesco, tracce, parole, immagini”, che contiene documenti antichi assolutamente inediti, dal Cantico delle Creature alle bolle papali consegnate al Santo, come ricorda il consigliere Anna Paola Cipolloni, delegata dalla Fondazione Varrone per seguire questo progetto culturale, seguirà a Rieti, in una sorta di continuità ideale e culturale con Assisi, un incontro di studi in collaborazione con l’Associazione culturale Antiqua, durante il quale verranno approfonditi, alla presenza di tutti i protagonisti del settore, gli aspetti storico- naturalistici e spirituali della vita e le opera di San Francesco nella Valle Santa.

Rispondi