Salute

La dermatite atopica colpisce 35mila italiani

In Italia oltre 35mila persone soffrono di dermatite atopica, malattia infiammatoria cronica che colpisce la cute del viso e del corpo di neonati, bambini e adulti

In Italia oltre 35mila persone soffrono di dermatite atopica, malattia infiammatoria cronica che colpisce la cute del viso e del corpo di neonati, bambini e adulti. Un vero record tra le nazioni europee, soprattutto se si considera che circa 8mila pazienti sono affetti dalla forma grave della patologia. Secondo una recente analisi pubblicata su ‘The Journal of Allergy and Clinical Immunology’, intanto, il 39% dei giovani tra i 14 e i 17 anni e’ stato bullizzato o preso in giro a scuola a causa della malattia; mentre l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, con il conseguente lockdown, hanno avuto un significativo impatto psicologico su questi pazienti, che li ha portati verso una maggiore condizione di isolamento.

Di questo, in sintesi, si e’ parlato durante il webinar ‘Dermatite atopica, tra rischio Covid e necessita’ di cure.

Strategie per la fase II’, promosso dall’Osservatorio Malattie Rare, con il patrocinio di SIDeMaST (Societa’ Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse), e di ANDeA (Associazione Nazionale Dermatite Atopica), con il supporto non condizionato di Sanofi Genzyme. L’evento si e’ svolto oggi in occasione della Giornata internazionale della Dermatite Atopica.

“Il fattore psicologico ha una certa incidenza sui pazienti con dermatite atopica. Un impatto che si e’ accentuato ancora di piu’ nel periodo del lockdown e che li ha portati a una maggiore condizione di isolamento- ha detto Loredana Petrone, psicologa e psicoterapeuta all’Universita’ Sapienza di Roma- Ma la componente psicologica non e’ da sottovalutare neanche per chi ha altre malattie della pelle: sono tanti i casi di bullismo e di isolamento lavorativo registrati nel tempo. Forme di isolamento, quindi, da considerare anche alla luce del distanziamento sociale”.

da dire.it

Rispondi