Cna

La Cna sempre al servizio delle imprese del cratere

Mercoledi 2 ottobre, presso la Sala Urcioli del Comune di Amatrice, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa ha organizzato un momento di incontro per illustrare agli imprenditori le opportunità offerte dagli ultimi bandi

Mercoledi 2 ottobre, presso la Sala Urcioli del Comune di Amatrice, la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa ha organizzato un momento di incontro per illustrare agli imprenditori le opportunità offerte dagli ultimi bandi usciti e gli strumenti da utilizzare per potervi acccedere.

«In questo momento i bandi aperti sono tanti e conoscerli meglio ci consente di scegliere liberamente» ha esordito Vincenza Bufacchi, direttrice CNA Provinciale di Rieti, sottolineando come questa occasione possa aprire una serie di possibilità diverse, ognuna legata alla specificità del bando.

Il primo testo ad essere presentato è stato quello del bando “Interventi Volti alla Ripresa Economica”, aperto il 2 ottobre con scadenza al 28 novembre. Con una dotazione finanziaria di 4.508.000 euro, questo bando consente di avere un risarcimento danni per le imprese già attive al 24 febbraio 2016, con una riduzione del fatturato non inferiore al 30 %, presenti nel territorio della provincia di Rieti. Le richieste devono essere presentate unicamente attraverso la piattaforma online GeCoWEB accessibile dal sito www.lazioinnova.it.

Il bando “Credito di Imposta Sisma”che si è aperto il 25 settembre, ha invece una dotazione complessiva di 43.900.000 euro per tutti i 140 Comuni del cratere sismico del Centro Italia ed è destinato alle imprese che acquistano o hanno acquistato impianti, macchinari ed attrezzature nuovi nell’arco temporale che va dal 6 aprile 2018 al 31 dicembre 2019. Il modello per la presentazione delle domande è fruibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Un bando utile a coloro interessati ad aprire nuove attività è “Fondo Futuro – Finestra 2019”, fondo regionale per il microcredito e la micro finanza. Aperto dal 2 settembre, con una dotazione di 13,5 milioni di euro, è rivolto alle microimprese che trovano difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito e che abbiano o vogliano aprire nel Lazio almeno una sede operativa. Per le imprese interessate a stanziarsi in uno dei 15 comuni dell’Area del Cratere Sismico, è prevista una riserva di 3 milioni di euro. La partecipazione va espressa attraverso la piattaforma GeCoWEB.

Un’ulteriore opportunità viene offerta dal bando “Fondo Rotativo per il Piccolo Credito”, attivo dal 21 Settembre 2018 fino ad esaurimento delle risorse che, con una dotazione di 39 milioni di euro è rivolto alle micro, piccole e medie imprese al fine di minimizzare costi e tempistiche e semplificare le procedure d’istruttoria e di erogazione. Le richieste devono essere presentate esclusivamente attraverso il portale www.farelazio.it, accedendo alla pagina dedicata.

Molto particolari sono, infine, gli ultimi due bandi presentati. Il primo, “Innovazione Sostantivo Femminile”, pubblicato il 6 agosto 2019, ha una dotazione di un milione di euro ed è dedicato alle micro, piccole e medie imprese, incluse le libere professioniste, purché siano al femminile. Il secondo, dal titolo “Voucer Internazionalizzazione”, aperto il 5 settembre con chiusura al 31 ottobre, ha invece una dotazione di 5 milioni di euro e mira a sostenere gli interventi di internazionalizzazione per l’accesso nei mercati esteri delle MPMI regionali. Per entrambi i bandi, occorre registrarsi sulla piattaforma GeCoWEB.

Tutte queste opzioni possono rappresentare un valido apporto alle imprese, soprattutto per quelle presenti nel territorio del cratere. Ogni bando ha tuttavia una sua particolare procedura, per questo si raccomanda un’attenta lettura coadiuvata dall’aiuto di un commercialista.

Rispondi