Itinerari francescani per il Giubileo della Misericordia: Poggio Bustone

I quattro santuari francescani di Poggio Bustone, Fontecolombo, Greccio e La Foresta segnano a forma di croce la valle santa reatina, terra benedetta dalla presenza di san Francesco d’Assisi.

L’amore che Dio ti dona, non puoi trattenerlo per te! Devi donarlo con gioia agli altri

È qui che Francesco ha visto l’inizio della sua avventura comunitaria: la condivisione e l’armonizzazione delle relazioni tra i fratelli e la creazione della prima fraternità francescana. In questo luogo inoltre, nello Speco superiore, ha luogo la vera nascita spirituale di Fran­cesco, quando, nell’abbandono della fede, egli prende coscienza che, proprio lui peccatore, è perdonato e amato da Dio, accolto nell’abbraccio della sua infinita misericordia.

San Fran­cesco vi giunge con i suoi primi compagni nell’estate del 1208, quando per la prima volta quel drappello di penitenti di Assisi si affacciò sulla Valle reatina. Francesco è trava­gliato e inquieto: pensa alla sua vita trascorsa nei peccati, come scriverà nel Te­sta­mento pochi giorni prima di morire nel 1226. Giunge quindi a Poggio Bustone, possedimento dei Benedettini di Farfa. Con i suoi, Francesco saluta: Buon giorno, buona gente!

Il Santo vaga lungo i sentieri aspri del monte. Cerca un luogo deserto e nascosto dove potersi abban­donare al misto di dolore e di gioia che lo pervade. Si rifugia nel grembo della terra, e qui accade l’insperato. Il Signore gli usa misericordia, lo veste del suo amo­re, crea in lui un cuore puro e lo lancia verso il futuro. La tradizione narra che al Poverello sia apparso un angelo.
Tornato dai suoi fratelli, France­sco dovette sembrare semplicemente libero, luminoso, pacificato. Che cosa sia successo, è conosciuto a lui solo. Ora Francesco può inviare i suoi frati a predicare a tutte le creature che “Dio solo è buono. Temete e onorate il Signore Dio, l’Al­tissimo” (cfr. RnB XXI, 2 FF. 55).

Ospitalità

Il Santuario dispone di una doppia foresteria: l’oasi del Perdono, riservata a gruppi di giovani adulti in autogestione per esercizi spirituali o ritiri, dotata di 7 stanze (2 quadruple, 4 triple e 1 singola) con bagno interno, di un refettorio e di una cucina attrezzata; la foresteria Filippo Longo, riservata ai pellegrini dei diversi cammini o gruppi di giovani per camposcuola, dispone di 30 posti letto suddivisi in tre grandi stanze, bagni in comune, e un refettorio con cucina. È necessario prenotare l’utilizzo della foresteria almeno con un mese di anticipo.

Orari

Orario delle visite al Santuario: 
Tutti i giorni compresi i festivi dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 (inverno 18)

Orario della preghiera:
Giorni feriali
Lodi mattutine ore 7,30
S. Messa ore 8
Vespri ore 19

Giorni festivi
Lodi mattutine ore 7.30
S. Messa ore 16
(orario legale 17)
Vespri ore 19

Per prenotazioni o altre informazioni:

Tel. 0746.688916

Scarica il Vademecum per il Giubileo di Francesco

Rispondi