Istituzioni: insediato il nuovo Comitato nazionale per la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita (Cnbbsv)

Si è tenuta oggi presso la sala Verde di Palazzo Chigi la seduta di insediamento del nuovo Comitato nazionale per la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita (Cnbbsv) della Presidenza del Consiglio dei ministri nominato con decreto della Presidenza del consiglio dei ministri del 13 giugno. Il Cnbbsv è presieduto da Andrea Lenzi. All’incontro, si legge in una nota, ha preso parte – a nome del Governo – Anna Nardini, coordinatore dell’ufficio Studi e rapporti istituzionali dell’ufficio del segretario generale di Palazzo Chigi e, a nome del Comitato nazionale per la bioetica, il presidente vicario Lorenzo d’Avack. Il presidente Lenzi ha tracciato un breve excursus sulla storia del Comitato, istituito nel 1992 come organo di consulenza scientifica del Presidente del Consiglio, affiancandosi al Cnb. Nel corso degli anni il Comitato per la Biosicurezza ha acquisito maggiori e specifiche competenze in materia di microrganismi geneticamente modificati, biosicurezza, biotecnologia e di banca del Dna. Quale supporto diretto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Comitato ha tra le sue finalità istituzionali quella di assicurare il coordinamento, l’armonizzazione e l’integrazione dei programmi, delle iniziative e delle attività dei Ministeri, degli Enti e degli Organismi pubblici e privati operanti – in particolare – nel settore delle biotecnologie per garantire forme di intervento unitarie ed omogenee. Il Comitato è formato dal presidente e da altri 17 membri, docenti, ricercatori ed esperti di fama internazionale nel campo della biosicurezza, delle biotecnologie, della genetica e delle scienze della vita: Antonio Amoroso,  Antonio Bergamaschi, Carlo Caltagirone, Roberto Cingolani, Paolo Gasparini, Maurizio Genuardi, Marco Gobbetti, Paola Grammatico, Mauro Magnani, Alberto Mantovani, Piero Angelo Morandini, Luigi Naldini, Ferdinando Nicoletti, Giuseppe Novelli, Pier Franco Pignatti, Roberta Siliquini, Paolo Visca.

Rispondi