Issare le vele della speranza

Nella lettura dal Vangelo di questa domenica, Gesù ha appena terminato la moltiplicazione dei pani, congeda la folla e i discepoli e sale sul monte a pregare.

Mi colpisce vedere Gesù che trova sempre del tempo per pregare. Il Vangelo non specifica mai cosa dica, però parla di solitudine e di preghiera. Un forte invito per noi oggi che facciamo fatica a trovare il tempo per pregare!

I discepoli sono da soli sulla barca. Il vento è contrario e la barca è agitata dalle onde. Solo alla fine della notte Gesù va verso di loro, camminando sul mare. I discepoli sono presi dalla paura e lo scambiano per un fantasma: è lo stesso atteggiamento che avranno con Gesù risorto. Gridano. Ma Gesù li tranquillizza: «Coraggio sono io».

Questa frase richiama l’«Io sono» di Dio davanti a Mosè. Gesù, come il Padre, è l’Essere, Colui che dona valore alla nostra vita. Per questo aggiunge di non aver paura.

Ma il focoso Pietro vuole una prova e vorrebbe andare incontro a Gesù sulle acque. Subito si accorge di affondare e invita Gesù a salvarlo. Quante volte viene spontaneo anche a noi chiedere a Gesù di salvarci o comunque di aiutarci davanti a situazioni pesanti della nostra vita!

Gesù stende la mano come Dio nella creazione e nell’Esodo e lo invita a non avere più dubbi, visto che è un uomo di poca fede. Pietro sale sulla barca e il vento cessa. L’espressione di fede dei discepoli è di meraviglia, si prostrano dinanzi a Gesù e lo riconoscono come Figlio di Dio.

Mi fermo su tre aspetti.

1) I discepoli sono sulla barca da soli, ma la barca è agitata dalle onde. È chiaro il riferimento ecclesiale. Anche la Chiesa oggi e noi credenti, siamo agitati dalle onde della nostra vita. I problemi della vita sono tanti e ogni famiglia porta già la sua croce, grande o piccola. Le difficoltà che sento dialogando con la gente sono varie: dai problemi affettivi, a quelli economici, all’ambito delle relazioni di amicizia e così via. Purtroppo, tutti questi problemi facciamo fatica ad affidarli a Gesù. Il problema è che in quella barca Gesù non c’è. Senza Gesù, la Chiesa rischia sempre di essere sopraffatta dalle onde del mare di questa vita. Solo quando arriverà Gesù, rinfrancato dalla preghiera con il Padre, la situazione cambierà.

2) Pietro vuole avere la certezza che la persona che cammina sul mare sia Gesù, facendo anche lui le stesse cose. Ma affonda presto. Non ha ancora fede. Ha paura. A volte vorremmo compiere delle cose per sentirci importanti, per essere riconosciuti dagli altri. Vorremmo essere in tutto uguali a Gesù, magari compiendo dei miracoli, camminando sulle acque. Ma abbiamo bisogno di una fede grande, ancora più matura, che difficilmente potremmo acquisire in questa terra. Per questo andiamo, a volte, in cerca di eventi sensazionali. Siamo stufi del quotidiano. Cerchiamo continuamente i miracoli. Eppure, è proprio nella semplicità delle piccole cose che troviamo la felicità vera. Pietro si sentiva come Gesù, ma sbagliava. Noi siamo uomini peccatori, chiamati tutti i giorni a invitare Gesù a salvarci perché siamo uomini di poca fede. La Chiesa, per questo motivo, ci invita a vivere quel sacramento così fondamentale, anche se meno attuato oggi, della riconciliazione. Abbiamo bisogno di sentirci dire da un umile prete che rende presente Cristo: «Io ti perdono». E anche noi tutti, come peccatori, siamo chiamati a vivere spesso questo dono.

3) Gesù afferra Pietro e si lamenta con lui perché ha avuto poca fede e perché ha dubitato. La grande domanda è proprio quella di capire chi è Gesù per noi. È un fantasma, è una persona che può risolvere con una bacchetta magica tutti i miei problemi o è il Figlio di Dio riconosciuto dai discepoli prostrati davanti a Lui? La fede si nutre normalmente di tanti dubbi che vengono proprio quando le cose vanno male. È facile credere quando tutto va bene. Ma quando la situazione precipita, quando perdi delle persone care, è chiaro che la domanda che ti assale spontanea è: «Perché Gesù hai permesso questo?» Perché a me e alla mia famiglia?  Gesù non offre una risposta precisa, però ci fa intuire che la vita è fatta costantemente di dolore e di fatica, accanto alle piccole gioie che incontriamo.

La fede non ci viene donata solo per vincere il male, ma anche per dare un senso all’apparente non senso della nostra vita. Perché la vita si può vivere anche stando in carrozzella o nella malattia e non è meno profonda di chi sta bene in salute. Anche se poi questo concetto è difficilissimo portarlo nella realtà della vita di tutti i giorni.

Rispondi