Incendi a Sigillo. Probabile origine colposa

Gli uomini del Corpo Forestale dello Stato Comando Stazione di Posta intervengono su un incendio boschivo. Dai primi accertamenti è emerso che lo stesso sia di origine colposa.

L’incendio si è sviluppato verso le ore 11,30 in localita “Sigillo- Falasche” del Comune di Posta, ed ha iniziato a bruciare un bosco ceduo di latifoglie miste ( Querce, aceri, carpino, ecc.) spinto anche da un forte vento che spirava nella zona.

Stante le condizioni orografiche e la velocità di propagazione delle fiamme i Forestali richiedevano l’intervento di un mezzo aereo per agevolare lo spegnimento. Sul posto veniva inviato un elicottero del Corpo Forestale dello Stato ( N.H. 500) che iniziava subito ad operare.

Parallelamente alle operazioni di spegnimento in collaborazione con i Vigili del Fuoco, venivano avviate le indagini al fine di risalire alle cause del rogo.

Dai primi accertamenti è emerso che le fiamme si sono propagate da un cumolo di ramaglie costituite da residui vegetali.

Grazie alla sinergia tra gli operatori a terra e l’elicottero, che ha effettuato 21 sganci, l’incendio veniva spento e da un primo bilancio risulta che le fiamme hanno percorso una superficie di circa 15.000 metri quadrati.

Ancora una volta, come accaduto per gli incendi precedenti, le causa riconducono gli investigatori del Corpo Forestale dello Stato alla matrice umana.

Anche in questo caso infatti un la poca oculatezza nel bruciare i residui vegetali, ad opera dell’uomo, ha portato al conseguente bruciamento del bosco limitrofo al luogo di combustione del frascame.

Ipotizzando il reato di incendio colposo, gli Agenti del Comando Stazione di Posta, competente per territorio, stanno provvedendo ad informare la Procura della Repubblica di Rieti. Per l’incendio boschivo sono previste pene che prevedono la reclusione fino a cinque anni.

(Comunicato Corpo Forestale dello Stato)

Rispondi