Incontri

Il Real Rieti entra a Palazzo Papale: «Portate avanti con convinzione obiettivi e spirito di gruppo»

«Siete una realtà che la gente guarda con particolare simpatia, andate avanti con convinzione», ha detto monsignor Pompili accogliendo la formazione calcistica del futsal reatino.

Lo sport entra nuovamente a Palazzo Papale. Stavolta è stato il Real Rieti, squadra di calcio a cinque cittadina, accompagnata da dirigenti e collaboratori, ad incontrare il vescovo Domenico.

«Siete una realtà che la gente guarda con particolare simpatia», ha detto monsignor Pompili accogliendo la formazione calcistica. «Inoltre, vedo che procedete con convinzione portando avanti il vostro sport e il nome della città nonchè lo spirito di gruppo che vi contraddistingue come squadra».

Un incontro che ancora una volta presuppone il significato dello sport come collante sociale al quale la Chiesa si apre e guarda con favore. Una fomazione, quella del Real Rieti, che comprende giocatori di diverse fasce di età ed altrettanto diverse provenienze, inclusa quella di molti calciatori brasiliani, a sottolineare la provenienza sudamericana dello sport.

Il vescovo Domenico ha supportato la squadra informandosi sui prossimi appuntamenti ed obiettivi, rivolgendo a tutti i migliori auguri per un futuro ricco di soddisfazioni e risultati di primo livello. Scambio di doni al termine del pomeriggio, con la società che ha omaggiato monsignor Pompili di un pallone ufficiale autografato da tutti i calciatori, ognuno dei quali ha ricevuto un rosario benedetto da Papa Francesco.

Prima del saluto la squadra ha approfittato per visitare i capolavori custoditi nella pinacoteca diocesana ospitata nel Salone Papale.

«A Sua Eccellenza Pompili va il nostro grazie sincero e sentito per averci ospitato e per aver dimostrato vicinanza spirituale e fisica ad una realtà come la nostra, che ogni giorno lavora in campo e fuori per tenere sempre alto il nome della città che rappresenta sia in Italia, che all’estero, quando è stato possibile» , ha detto il presidente Giorgio Pietropaoli.

Spazio inoltre per i buoni auspici: «tra sabato e domenica ci giochiamo il primo obiettivo stagionale, la Final Four della Coppa di Divisione e la speranza è quella di poter tornare da Pesaro soddisfatti. Ma al di là dell’esito finale, onoreremo la competizione nel rispetto delle regole del gioco e del fair play».

 

Rispondi