Papa Francesco

Il Papa e il Padre Nostro: misericordia per l’umanità provata

A mezzogiorno di ieri i cristiani del mondo si sono uniti a Francesco per recitare insieme la preghiera per eccellenza. L’implorazione del Papa per i malati, le loro famiglie, gli operatori sanitari e le forze dell'ordine

Tra i timori e le angosce del mondo minacciato dalla pandemia, risuona dalla Biblioteca Apostolica in Vaticano la preghiera che Gesù ci ha insegnato, il Padre Nostro, perenne sorgente di speranza e fonte di unità per i cristiani. La voce di Papa Francesco, che invoca Dio per porre fine alla pandemia, racchiude la preghiera di un popolo ferito, ma unito nella preghiera e con lo sguardo rivolto verso il Padre. Il Pontefice, che oggi al termine dell’udienza generale aveva rinnovato l’appello a tutti i cristiani ad invocare Dio onnipotente, aveva anche invitato domenica scorso all’Angelus tutti i Capi delle Chiese e i leader di tutte le Comunità cristiane a unirsi a questa preghiera. Una orazione commovente in cui è la voce comunitaria del “noi”, e non quella individuale “dell’io”, a elevarsi verso il cielo.

Misericordia per l’umanità duramente provata

Il Papa introduce la preghiera del Padre Nostro, trasmessa da Vatican Media e in diretta streaming sul sito di Vatican News, con queste parole:

Cari fratelli e sorelle, oggi ci siamo dati appuntamento, tutti i cristiani del mondo, per pregare insieme il Padre Nostro, la preghiera che Gesù ci ha insegnato. Come figli fiduciosi ci rivolgiamo al Padre. Lo facciamo tutti i giorni, più volte al giorno; ma in questo momento vogliamo implorare misericordia per l’umanità duramente provata dalla pandemia di coronavirus. E lo facciamo insieme, cristiani di ogni Chiesa e Comunità, da ogni età, lingua e nazione.

Affidiamoci con piena fiducia alle mani di Dio

Nella preghiera al Padre Nostro, Francesco ricorda in particolare quanti soffrono in questo tempo segnato dalla paura, dalla sofferenza, dalla morte a causa della pandemia:

Preghiamo per i malati e le loro famiglie; per gli operatori sanitari e quanti li aiutano; per le autorità, le forze dell’ordine e i volontari; per i ministri delle nostre comunità. Oggi molti di noi celebrano l’Incarnazione del Verbo nel seno della Vergine Maria, quando nel suo “Eccomi”, umile e totale, si rispecchiò l’“Eccomi” del Figlio di Dio. Anche noi ci affidiamo con piena fiducia alle mani di Dio e con un cuore solo e un’anima sola preghiamo.

Dopo l’introduzione la voce orante del Pontefice, accompagnata spiritualmente da quelle dei cristiani in tutto il mondo, diventa un “ponte spirituale” che abbraccia, consola, porta speranza.

Chiese cristiane unite nella preghiera

Le Chiese cristiane si sono unite a Papa Francesco per la preghiera del Padre Nostro. Il Patriarca Ecumenico Bartolomeo ha aderito all’iniziativa del Pontefice per dare “una comune risposta alle sofferenze del mondo”. Anche la Conferenza delle Chiese europee (Kek), associazione ecumenica tra Chiese cristiane d’Europa, si è unita alla preghiera promossa dal Papa. “In questi tempi di incertezza globale – si legge in un comunicato della Kek – abbiamo bisogno di segni di unità e di speranza”. Anche l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby capo della comunione anglicana, si è unito alla preghiera con Papa Francesco e milioni di persone nel mondo.

Da Vatican News

Rispondi