Cultura

Il Natale raccontato ai bambini dai capolavori degli Uffizi

Il museo di Firenze metterà a disposizione dei più piccoli delle sale virtuali per spiegare i capolavori dell'arte ispirati dalla Natività

Niente come l’arte può raccontare la suggestione e l’atmosfera della notte santa. La pittura di Botticelli, Gentile da Fabriano, Lorenzo Monaco, Hugo van der Goes, Albert Dürer, Leonardo Da Vinci, Cosimo Rosselli, Correggio o Luca Giordano, può introdurre anche i più piccoli nel mistero dell’Incarnazione.

Sale virtuali per i bambini

Proprio ai bambini si rivolge l’iniziativa natalizia “Uffizi sotto l’albero”. Le presitigiose gallerie fiorentine, chiuse a causa dell’emergenza coronavirus, mettono a disposizione sale virtuali capaci di accogliere dieci bimbi ciascuna: al loro interno narratori esperti del Dipartimento per l’Educazione illustrano ai visitatori la Natività attraverso due opere selezionate da una speciale lista. La proposta degli Uffizi è pensata anche come un’originale idea regalo, un modo per sentirsi vicini nel periodo natalizio in quest’anno così particolare. Le iscrizioni sono aperte da lunedì 14 dicembre attraverso l’indirizzo email  ga-uff.scuolagiovani@beniculturali.it

Riunire chi era lontano

Ricevuta la richiesta, le Gallerie degli Uffizi forniscono un link per attivare la sala, a cui potranno accedere da ogni parte del mondo anche amici e parenti lontani. Tutti potranno interagire con il narratore durante l’incontro che avrà una durata di circa 40 minuti. Le conversazioni potranno svolgersi anche nella lingua dei segni, Lis, o in altre lingue europee. Maggiori informazioni e costi sono disponibili sul sito degli Uffizi, dove è possibile consultare anche la lista dei dipinti disponibili: www.uffizi.it/visite-speciali/uffizi-sotto-l-albero .“Sarà un’occasione –  spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt – per legare l’apprendimento al divertimento. E sarà un’opportunità unica per avvicinare anche coloro che sono fisicamente distanti, per chiamare a raccolta amici e parenti lontani, unendo affetto e conoscenza in occasione della festività più amata dell’anno”.

da Vatican News

Rispondi