Il Comune di Rieti è in lotta contro i piccioni

A seguito della nota pervenuta dalla Azienda USL di Rieti-Dipartimento di Prevenzione, l’Amministrazione Comunale informa che con apposita ordinanza sono state disposte le azioni da intraprendere per la riduzione degli inconvenienti igienico-sanitari provocati dalla eccessiva presenza di colombi all’interno dei Centro storici (capoluogo e frazioni) ed a tutela della salute pubblica prevenendo l’emergere di patologie (salmonellosi, allergie respiratori, zecche, ecc.).

Nel termine di 120 giorni dalla data della suddetta ordinanza (5 Agosto), i proprietari/responsabili degli edifici ubicati nei centri storici devono, di conseguenza, assicurare l’installazione di adeguati sistemi atti ad evitare la nidificazione e lo stazionamento dei colombi negli edifici; dovranno, in particolare, provvedere alla chiusura con griglie o reti, o con altri mezzi idonei, di tutti gli accessi ai siti interessati alla sosta ed alla nidificazione dei colombi, dopo aver constatato che all’interno non siano rimasti animali vivi o nidi con presenza di piccoli non ancora svezzati.

Nei solai con intercapedine ventilata i fori di areazione devono essere sbarrati con reti a maglia fitta o con idoneo materiale che ne garantisca la continua funzionalità anche nel tempo.

Nel caso specifico di solai, sottotetti o altri spazi già colonizzati dai colombi si dovrà procedere come segue: trattamento preventivo di disinfestazione, messa in opera dei sistemi anti intrusione, ulteriore trattamento di disinfestazione.

 

E’ inoltre vietato somministrare cibo ai volatili, in particolare alla specie dei colombi, nelle vie e piazze cittadine ed in ogni altro luogo (cortili, giardini, tetti). I cittadini sono, inoltre, invitati ad installare sui cornicioni dei fabbricati, sulle gronde o altre possibili superfici d’appoggio, idonee bande dotate di punte, reti, ecc che impediscano la sosta degli animali. La Polizia Municipale e gli altri organi di vigilanza sono incaricati della verifica di adempimento a quanto sopra esposto.

Rispondi