Santuari Francescani

Il beato Tommaso unisce Reatino e Grossetano. Mercoledì il rosario in collegamento da Fonte Colombo

Si festeggia in questi giorni il Beato Tommaso Bellacci, noto anche come Beato Tommaso da Firenze o da Rieti sepolto nel convento francescano di Fonte Colombo

Le Parrocchie di Scarlino e Scarlino Scalo in Diocesi di Grosseto festeggiano in questi giorni il beato Tommaso Bellacci, noto anche come Beato Tommaso da Firenze o da Rieti sepolto nel convento francescano di Fonte Colombo. A gennaio, la reliquia del saio, proveniente dal Santuario Francescano fu portata in Diocesi di Grosseto in occasione della Settimana di Preghiera per l’unità dei cristiani e sostò presso la Parrocchia di San Francesco e quelle di Scarlino e Scarlino Scalo.

Per interesse del Parroco di Scarlino, quest’anno le due comunità festeggeranno per la prima volta la festa liturgica con un ricco programma di iniziative in questo anno molto importante in cui si ricordano i 650 anni dalla nascita e in preparazione al prossimo anno in cui si ricorderanno i 250 anni dalla Beatificazione.

La devozione al Beato Tommaso non è mai mancata presso la popolazione che affettuosamente lo chiama Tomma da Scarlino, ma la festa liturgica non è mai stata fatta: per questo motivo il parroco ha desiderato fortemente proporre questa festa come occasione per far conoscere e far crescere la devozione al Beato Tommaso. Recentemente anche una rivista Toscana, «Le Antiche Dogane», nel numero del mese di giugno, si è interessata al Beato Tommaso pubblicando un lungo articolo molto dettagliato sulla sua vita, segno che la testimonianza di questo frate missionario in medio oriente durante il periodo del Concilio di Firenze sta suscitando interesse presso la popolazione.

I festeggiamenti sono iniziati sabato 24 con la presentazione della vita del Beato da parte di una catechista della parrocchia e con un concorso di disegni per i bambini del catechismo. Mercoledi 28 inizierà il triduo di preghiera con la recita del rosario in collegamento dal santuario di Fonte Colombo; il giorno successivo, dopo la Santa Messa, sarà presentato un canto in suo onore. Il Triduo si concluderà con la Santa Messa preceduta da una presentazione della vita del Beato Tommaso. Sabato 31, giorno della memoria liturgica sarà celebrata una messa solenne presso la chiesa di San Martino a Scarlino.

In occasione dei festeggiamenti verrà esposta una foto della statua del beato Tommaso conservata nell’oratorio di San Niccolò del Ceppo a Firenze.

Rispondi