Guerra in Siria, i limiti del “modello Kosovo”

L’uso di armi chimiche cambia il volto del conflitto e avvicina la possibilità di un intervento armato dell’Occidente. Ma Obama deve fare i conti con le resistenze di Russia e Cina.

Sembra ormai certo che alle atrocità della sanguinosa guerra civile siriana si sia aggiunto anche l’uso di armi chimiche su vasta scala. Medici Senza Frontiere, organizzazione solitamente affidabile, parla di oltre 350 morti causati da un attacco con gas sarin effettuato il 21 agosto. Non è ancora chiaro se l’attacco sia stato deciso dal regime di Assad o dai ribelli, ma chiunque sia il responsabile aveva ben presente che l’uso di armi chimiche era stato individuato dal presidente Obama come la linea da non oltrepassare, oltre la quale gli Stati Uniti avrebbero seriamente pensato a un intervento armato nel conflitto.

Il ricorso alle armi chimiche è una grave violazione del diritto internazionale, poiché provoca sofferenze inutili a chi viene colpito e non permette neppure di provare a discriminare fra combattenti e civili. Tuttavia, da un punto di vista politico complessivo, la guerra in Siria non per questo cambia. Lo stesso numero di vittime avrebbe potuto essere ucciso a colpi di mortaio, che finora non risulta abbiano discriminato molto fra obiettivi consentiti e vietati dal diritto internazionale. Fissare la cosiddetta “linea rossa” sull’uso di queste armi sembra dunque essere stata l’ennesima dimostrazione dell’assenza di una visione politica e diplomatica seria e lungimirante da parte degli Stati Uniti e dell’Occidente. Se un effetto vi è stato, è stato semmai quello di fornire un incentivo a chi fosse sufficientemente cinico da ricorrere all’uso dei gas per mettere la comunità internazionale all’angolo e accusare il proprio nemico dell’attacco proibito.

Dopo i fatti degli ultimi giorni, gli Stati Uniti stanno avvicinando la Sesta Flotta al teatro del conflitto, mentre Francia e Gran Bretagna parlano già di intervento armato sul “modello Kosovo”, anche in assenza di un via libera da parte dell’Onu, che difficilmente arriverebbe data la contrarietà di Russia e Cina. Davanti al rullo dei tamburi di guerra sorgono alcune domande: se le considerazioni umanitarie sono così importanti, non erano sufficienti i centomila morti della guerra precedenti all’attacco chimico per impegnarsi seriamente e a fondo sulla via diplomatica? E ammesso e non concesso che le situazioni siano paragonabili, l’intervento in Kosovo del 1999 è davvero un esempio positivo da seguire? Non va dimenticato che le cifre delle stragi erano state gonfiate ad arte per provocare l’intervento, che l’Uck era una formazione ben più estremista di quanto si credesse e che sono occorsi anni per dare una sistemazione appena soddisfacente ad un territorio ben più piccolo e molto meno cruciale dal punto di vista geopolitico di quanto lo sia la Siria.

Obama ha chiarito più volte che se anche ci sarà un intervento, questo non implicherà l’uso di truppe a terra. E chi gestirà poi la fase post-conflittuale? La Siria è al centro dello scontro fra sciiti e sunniti in Medio Oriente e l’intervento non risolverà i problemi etnici, tribali, religiosi del Paese (o della regione). Purtroppo, come più volte abbiamo notato, la capacità diplomatica su cui gli Stati Uniti e l’Occidente hanno costruito i loro maggiori successi in politica estera sembra in qualche modo perduta. Negli ultimi decenni si tende a ricorrere sempre più all’uso della forza per risolvere le crisi, con un’efficacia peraltro molto scarsa. L’Iran e in questa fase soprattutto la Russia avrebbero un ruolo cruciale per tentare di forzare la mano ad Assad con metodi diplomatici, ma i rapporti fra Russia e Stati Uniti sono molto tesi, mentre l’Ue è muta come al solito. Papa Francesco invece si è pronunciato, con parole forti e vere sia dal punto di vista etico che politico. Se solo venissero ascoltate.

Rispondi