Da Greccio a Rieti, “un Paese Meraviglioso”. Autostrade apre sette porte sulla Valle del Primo Presepe

È stata presentata il 30 ottobre, nella Sala Marconi di Radio Vaticana, la partnership di Autostrade per l’Italia e Regione Lazio con il progetto “La Valle del Primo Presepe”.

«Per noi che viviamo nel reatino, la partnership di Autostrade per l’Italia diventa quasi un presagio di quel superamento dell’atavico isolamento, sia per quel che riguarda la Salaria, sia per quel che riguarda la ferrovia, che di recente è stato definito dal ministro per le Infrastrutture». Così il vescovo Domenico ha salutato gli interventi che la società Autostrade ha disposto su sette aree di servizio per promuovere la “Valle del Primo Presepe”, una iniziativa che vede la diocesi di Rieti impegnata con i Comuni di Greccio e Rieti in un percorso di riscoperta del volto di Francesco nel territorio reatino con il sostegno della Fondazione Varrone, il coordinamento di Fondaco e la partecipazione di Ascom Rieti e della Associazione Italiana Amici del Presepio (Aiap). Con  la “Valle del Primo Presepe”, i due comuni coinvolti saranno protagonisti di un ricco percorso espositivo di presepi di ogni tipologia e provenienza realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Amici del Presepio, ma anche lo svolgimento di tre competizioni a tema, la presenza di un grande presepe di un Paese straniero (quest’anno s’inizia con la Germania) e installazioni di arte contemporanea.

«Abbiamo sposato con grande convinzione la nuova ed efficace iniziativa di promozione turistica de “La Valle del Primo Presepe” – ha detto Francesco Delzio, Direttore Relazioni esterne, Affari Istituzionali e Marketing di Atlantia e Autostrade per l’Italia Spa – perché rappresenta una best practise nella collaborazione tra pubblico e privato ed un modo innovativo e intelligente di integrare e valorizzare esperienze turistiche, territori e comunità».

Le linee guida de “La Valle del Primo Presepe” sono del resto le stesse che caratterizza il progetto “Sei in un Paese Meraviglioso” di Autostrade, che da tre anni offre la possibilità di scoprire le bellezze meno note d’Italia, facilmente raggiungibili dalle uscite autostradali.

«Un progetto nato in autostrada e nelle aree di servizio – ha spiegato Delzio – che oggi annovera una gamma molto ampia e qualificata di strumenti di comunicazione tra cui l’omonimo programma televisivo in onda su Sky Arte Hd. Il successo del progetto è confermato anche dal grande consenso che continua a riscuotere tra gli amministratori locali che spesso trovano, nell’iniziativa di Autostrade per l’Italia, la principale opportunità di promozione turistica del loro territorio».

Oltre alle sette aree di servizio selezionate da Autostrade (Tevere Ovest – Giove Ovest – Flaminia Ovest – Feronia Est – Mascherone Est Prenestina Est – La Macchia Est), l’impegno della società è quello di mandare spot a rotazione sui 187 schermi del circuito nazionale “Infomoving” presenti nelle aree di servizio.

Rispondi