Ragazzi

Gli scout in gara per la cura della “casa comune”

Originale gara quella svolta dal gruppo scout Rieti 2 “Marco Tempesta”: i ragazzi si sono dati da fare per ripulire Colle San Mauro, riuscendo a portare in discarica oltre 80 chilogrammi di rifiuti.

In gara per la tutela della casa “comune”. Questo il sapore della competizione che domenica 10 febbraio ha coinvolto i capisquadriglia e i loro vice del gruppo scout Rieti 2 “Marco Tempesta”.

Una sfida di distretto che i ragazzi con più esperienza di ogni reparto hanno raccolto a Rieti salendo a Colle San Mauro, per porre rimedio a tanta incuria e maleducazione.

All’ombra del grande albero che dà il benvenuto a chi si avvicina al convento dei frati cappuccini, infatti, non si gode solo una delle più belle viste sulla città di Rieti. Abbassando lo sguardo appena sotto il parapetto lo spettacolo è assai più desolante: il bel bosco è insozzato da ogni genere di rifiuto e a nulla sembrano servire i cartelli che chiedono un po’ di rispetto e buona educazione.

Così, per cinque ore, i giovani scout e i loro capi si sono impegnati a fare pulizia, tirando su 80 chilogrammi di vetro e 3 di plastica, prontamente portati in discarica.

Molto c’è ancora da fare, e c’è da sperare che i giovani allievi di Baden Powell con i loro sforzi abbiano un poco aumentato in città il necessario spirito di rispetto nei confronti della natura e la giusta preoccupazione per il destino delle giovani generazioni. «Tutto è connesso» ricorda papa Francesco nella sua Laudato si’: dalla qualità dell’ambiente discende anche la qualità dei nostri stili di vita e più in generale delle nostre società.

«Per come siamo messi, la nostra dovrebbe essere raccontata come un epoca di “pulizia totale”», sperano gli scout reatini. Pulizia del territorio, ma anche di pensiero, di atteggiamento verso la terra, le cose, le persone.

Rispondi