Gli allievi della Scuola Forestale a confronto con la Laudato si’ insieme dal vescovo Domenico

Si è tenuto ieri presso l’Aula Magna della Scuola del Corpo forestale dello Stato di Cittaducale (Rieti), il convegno sull’enciclica di Papa Francesco «Laudato Si’».

Alla presenza degli allievi del 39° Corso vice ispettori “Fiume Brembo” e delle autorità civili, militari e religiose intervenute, il Comandante delle Scuole del C.F.S Dott. Umberto D’Autilia, ha introdotto l’argomento analizzando la tematica dei cambiamenti climatici e la cura dell’ambiente, soffermandosi sull’esperienza della Scuola forestale di Cittaducale. In un contesto di discussioni accese a livello internazionale sull’ambiente, la Scuola non ha solo preparato i forestali alla loro professione, accompagnato tanti giovani nel loro divenire uomini, difeso i valori e le virtù del Corpo, ha espresso nei suoi anni di storia un contributo di idee che ha arricchito il dibattito culturale sulla natura e la sua salvaguardia.

Il Convegno è proseguito con l’intervento di S. E. Reverendissima il Vescovo di Rieti Monsignor Domenico Pompili sulla conversione ecologica ed approfondimenti in merito alle prospettive teologico – pastorali per uno sviluppo armonioso tra uomo e natura, fornendo una chiave di lettura all’enciclica di Papa Francesco. Un testo sviluppato su quattro direttrici principali, il vedere, il giudicare, l’agire ed il celebrare. Si assiste al deterioramento della casa comune per una visione ancora antropocentrica dettata dall’egoismo di pochi, dalla prepotenza della tecnoscienza, matrice della tecnocrazia che cerca di trovare soluzione ai problemi ecologici con un approccio unicamente unilaterale.

La questione ecologica è strettamente congiunta al tema della giustizia sociale, tutto è connesso, pertanto non è possibile affrontare il tema dell’ambiente se lo si isola dagli ambiti sociale, economico, religioso e politico. L’importante giornata formativa si è conclusa con un’interessante e formativo dibattito, gli allievi sono intervenuti portando validi contributi, è stata l’occasione per un approfondimento sulle delicate tematiche trattate.

Rispondi