Frontiera n.8 / 2019

Papa Francesco continua a ragionare di Laudato si’. E lo fa declinando con nuovi spunti di riflessione e di significato la sua encliclica sull’ecologia integrale. L’occasione è il Messaggio per la Quaresima, nel quale il pontefice invita a prepararsi al triduo pasquale e alla Risurrezione da un punto di vista particolare, ribadendo che la vota nuova in Cristo è già operante in noi nella vita terrena. Ad illustrare ed offrire una chiave di lettura al Messaggio del Papa saranno due personalità diverse: il vescovo Domenico e Carlo Petrini, creatore di Slow Food. I due co-fondatori del progetto “Comunità laudato si'”ci permetteranno di muoverci attraverso le parole di Bergoglio seguendo spunti variegati e intensi, attraverso i quali ogni lettore può vivere la possibilità di assaporare il tempo di Quaresima seguendo la propria personalità e migliorando il proprio stile di vita a tutela della Casa comune.

Le liturgie del tempo pasquale si sono aperte con il rito dell’imposizione delle Ceneri svolto in Cattedrale, al quale seguiranno prossimamente altri appuntamenti di riflessione come quello della “24 ore per il Signore”, ma anche gli incontri con i religiosi per le lectio quaresimali svolte su tutto il territorio diocesano. Proprio sul tempo pasquale, «cuore dell’anno liturgico» ha voluto soffermarsi il vescovo Domenico durante l’incontro con gli operatori pastorali svolto al Centro pastorale di Contigliano lo scorso fine settimana, per soffermarsi insieme «affinchè ciascuno possa trarre dalla riflessione ciò che gli è più utile».

Una delle interviste di questa settimana di fa conoscere meglio padre Mathew Panackal, parroco di Longone e Rocca Sinibalda e Difensore del Vincolo nel tribunale diocesano. Reduce dalla festa in onore dei suoi 25 anni di sacerdozio tenuta nella sua India, con l’ormai italianizzato don Matteo parleremo di integrazione di culture diverse e di molto altro. Ma l’altra intervista non sarà certo da meno.

Con la guida del direttore Roberto Lorenzetti ci perderemo in un affascinante viaggio nell’inestimabile patrimonio documentale dell’Archivio di Stato di Rieti. Ma non è ancora tutto. Altre notizie, appuntamenti e novità tutte da leggere per i nostri abbonati sul numero di Frontiera di questa settimana.

Rispondi